BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Stampanti 3D nell’artigianato: “A Bergamo con un gruppo di orafi creiamo gioielli unici” fotogallery video

Un settore in forte espansione è quello delle stampanti 3D che hanno il potenziale per migliorare o semplicemente modificare il nostro stile di vita. Ma questo futuro è prossimo o è solo un'utopia? Lo abbiamo chiesto a Stefano Reale titolare del 3D Garage di Bergamo e socio di BlueCat, che si occupano di produzione e stampa 3D.

Nell’ultimo decennio il mondo ha assistito alla nascita di nuove tecnologie che hanno permesso di migliorare la produzione di beni e servizi: uno di questi settori in forte espansione è quello delle stampanti 3D che hanno il potenziale per migliorare o semplicemente modificare il nostro stile di vita. Ma questo futuro è prossimo o è solo un’utopia? Lo abbiamo chiesto a Stefano Reale titolare del 3D Garage di Bergamo e socio di BlueCat, che si occupano di produzione e stampa 3D.

In terra bergamasca chi offre un servizio di produzione e/o di stampa 3D?

Ci sono almeno quattro realtà territoriali che offrono servizio di stampa che siamo noi come 3D Garage,  Galassia 3D, Step 3D e 3D Studiolab. In BlueCat offriamo invece un servizio di produzione di stampanti e resine per il settore orafo, siamo 11 artigiani orafi che produciamo gioielli unici ed esportiamo i nostri prodotti in tutta l’area europea.

Quale sarà l’applicazione futura del 3D e che indotto potrà avere in Bergamasca?

Sicuramente lo stimolo è quello di produrre nuovi prodotti; nel settore orafo consente di produrre gioielli particolari e personalizzati mentre in campo edilizio potrà essere usata per aiutare il progettista a mostrare il suo disegno ai clienti; riguardo alla produzione di edifici siamo ancora a un tipo di struttura molto elementare che però si svilupperà in futuro

Parliamo di costi.

La stampante in sé ha fasce di prezzo che vanno dalle poche centinaia di euro alle centinaia di migliaia mentre il materiale di stampa varia in base al tipo, ovvero: le resine per fare stampi vanno dai 150 ai 300 euro al litro, mentre le plastiche dai 25-30 euro al chilo fino ai 100.

Stefano Reale

Facciamo un passo indietro per capire bene: cosa sono le stampanti 3D?

Sono una rivoluzione industriale che ha permesso di introdurre una tecnologia innovativa nell’impresa, negli ultimi tempi grazie all’abbassamento dei prezzi sono diventate uno strumento per il privato o il piccolo artigiano, consentendo di produrre prototipi a basso costo, sviluppare e verificare la validità di idee e di creare pezzi unici.

In cosa sono innovative?

Sono innovative perché consentono di produrre un oggetto materico in tempi brevi e con bassi costi di produzione se comparate al metodo “classico” di creazione di oggetti unici; sono quindi molto efficaci nella trasposizione di un progetto computerizzato nella realtà.

Quali sono gli ambiti di applicazione di queste macchine?

Principalmente vengono applicate in ambito industriale conferendo alle imprese la capacità di rispondere alle esigenze del mercato in tempi brevi, il che si tramuta in costo minore e maggiore competitività sul mercato. In campo privato si sta sviluppando la tecnologia per renderle più accessibili all’utente.

Quali sono i grandi punti di forza e di debolezza?

Come già detto i punti di forza sono una grande rapidità e costi ridotti in campo di prototipi, il principale difetto è che i costi di produzione su scala maggiore sono estremamente elevati, ovvero, per produrre un pezzo unico sono economiche, per produrre migliaia di pezzi risultano più costose.

Come vengono viste nel nostro Paese e a Bergamo?

Il territorio della Bergamasca è ricco di eccellenze della piccola e media impresa e tale struttura è il terreno ideale per lo sviluppo di questo tipo di mercato che renderebbe i nostri imprenditori più competitivi. Sono numerose anche le collaborazioni con le scuole, con corsi di formazione e informazione; mentre il singolo si sta avvicinando a questo mercato per la produzione di pezzi di ricambio introvabili o regali unici, o semplicemente lo sviluppo di un’idea del momento.

In conclusione, come le vede lei?

Io le vedo come uno strumento artigiano, esattamente come erano lo scalpello e la fresa strumenti per consentire all’uomo di dare vita alle proprie idee.

E crede ci sia una sufficiente applicazione sul nostro territorio?

Sicuramente nel tessuto industriale sono fortemente diffuse grazie alla lungimiranza di alcuni imprenditori, i singoli cittadini si affidano invece a servizi di stampa dal momento che la loro necessità è molto spesso più sporadica.

Video correlati

1 di 1

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.