BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Cooperativa Ecosviluppo: “un’opportunità di riscatto personale”

Paola Guri, studentessa dell'Istituto Belotti, racconta la realtà di Ecosviluppo, cooperativa sociale nata a Stezzano dall'esigenza di aiutare le varie realtà locali.

Più informazioni su

Paola Guri, studentessa dell’Istituto Belotti, racconta la realtà di Ecosviluppo, cooperativa sociale nata a Stezzano dall’esigenza di aiutare le varie realtà locali.

C’è chi la conosce e chi non ne ha mai sentito parlare: 56 nuovi inserimenti lavorativi nelle aree di svantaggio, 36 disoccupati di lungo periodo e 9 tirocini con borsa lavoro; questi i dati rilevati dalle assunzioni di Ecosviluppo nell’anno appena concluso.

Ecosviluppo è una Cooperativa sociale di tipo B fondata nel 1995 a Stezzano, nata dall’esigenza di aiutare le varie realtà locali. Tale impresa no profit ha come principale obiettivo l’inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati: detenuti ed ex detenuti, persone con problemi fisici o psichici, tossicodipendenti ed alcolizzati; a tutto ciò viene aggiunta la nobile attività di raccolta dei rifiuti e riciclaggio di quest’ultimi con l’utilizzo di macchinari appositi.

Negli anni la Onlus ha acquisito le gestione di 30 appalti ed ha sottoscritto 50 affidamenti tra i comuni facenti parte delle province di Bergamo e Milano. Inoltre, Ecosviluppo ha stipulato diverse partnership e collaborazioni con enti locali quali gli istituti penitenziari di Bergamo, Milano e Bollate; l’ufficio stranieri del Comune di Bergamo, l’associazione Mani Amiche di Stezzano, l’associazione Mosaico e tante altre ancora.

All’interno della Cooperativa si scorge un clima di collaborazione tra i vari dipendenti, i quali emergono per senso del dovere ed efficienza nell’operato:

“Ecosviluppo mi ha offerto un’opportunità di riscatto personale, permettendomi di essere utile sia alla la mia famiglia che alla società bergamasca; ha trasformato il mio percorso detentivo finalizzandolo alla rieducazione sul lavoro”, racconta un giovane dipendente della Onlus, che ha ritrovato nel sul impiego un supporto durante l’arduo periodo di carcerazione dovuto a spaccio di sostanze stupefacenti.

Ma quale attività svolgono tali impiegati? Raccolta differenziata porta a porta, gestione delle piattaforme ecologiche, svuotamento dei cestini, raccolta dei rifiuti organici, questi sono solo alcuni dei servizi offerti dalla Cooperativa.

Nell’Ottobre 2011 è stato introdotto l’impianto di cernita degli imballaggi in plastica raccolti nei vari comuni di competenza, affinché diventasse possibile l’introduzione di manodopera femminile nelle attività lavorative.
A tutto ciò si aggiungono diversi progetti mirati alla crescita della società, partendo dalla realtà di Stezzano.

Una delle iniziative principali è il contributo di 2500€ devoluto al progetto Agorà che prevede uno sportello d’ascolto, di risposta e di orientamento ai diversi bisogni della popolazione italiana e di quella immigrata. Allo stesso modo, è giusto ricordare anche i numerosi progetti di educazione ambientale dedicati soprattutto a bambini e ragazzi delle scuole.

Risulta, inoltre, che i servizi tenuti dalla Onlus rientrino nella categoria delle attività lavorative che hanno risentito meno della crisi economica. Sarà quindi questo il settore su cui investire per il futuro? E ancora potrebbe risultare una via d’uscita per molte famiglie italiane?

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.