BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Parole Ostili”, la prima community contro l’odio in rete: vota i principi del manifesto

Una community trasversale di oltre 500 tra giornalisti, manager, politici e docenti per contrastare l’ostilità in Rete, che si riunirà per la prima volta a Trieste il 17 e il 18 febbraio, al quale interverranno, tra gli altri, la Presidente della Camera Laura Boldrini e il giornalista Enrico Mentana; oltre al sindaco di Bergamo Giorgio Gori e proprio Bergamonews, il vostro quotidiano online; o meglio il nuovo progetto per i giovani, BGY, giovani protagonisti coordinati da Lucia Cappelluzzo.

Stiamo parlando del progetto collettivo “Parole O_Stili”, che intende far riflettere sull’influenza delle parole nella società e sull’importanza di sceglierle con cura, negli anni di tante notizie false (le cosiddette bufale), contenuti offensivi e discriminatori (hate speech), provocazioni, accuse infondate (trolling).

All’appuntamento, organizzato con la Regione Friuli Venezia Giulia, sarà presentato un «Manifesto della comunicazione non ostile» contro i linguaggi negativi in Rete, spesso troppo e gratuitamente aggressivi. Attraverso un processo partecipativo e aperto a tutti che si concluderà il prossimo 10 febbraio, questi stessi princìpi potranno essere votati dagli tutti gli utenti attraverso il sito web di Parole O_Stili (per votare clicca qui). I princìpi che raccoglieranno il maggior numero di preferenze andranno a comporre il Manifesto della comunicazione non ostile.

L’obiettivo non è quello di stigmatizzare dei comportamenti o evocare censure ma ci interessa invece creare consapevolezza e sensibilizzare le persone al tema dell’ostilità verbale, perché Parole O_Stili vuole dare a chiunque la possibilità di esporre la propria visione senza filtri o costringimenti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.