BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Kessie è un gladiatore, Conti corre per tre e Gomez si dimostra un campione

Più informazioni su

ATALANTA

Etrit Berisha 6: L’albanese fa un paio di buone uscite nel primo e nel secondo tempo. Per il resto 88′ di solitudine per lui.

Rafael Toloi 6: Buona prova del brasiliano che lascia passare poco o nulla oggi. Parte lento mancando qualche intervento ma dopo il 15′ torna a pieno regime e conduce una buona gara.

Mattia Caldara 6: Bella prestazione anche per il giovane talento italiano, insieme a Toloi fa buona guardia e non si fa mai sorprendere.

Andrea Masiello 6,5: Il veterano atalantino festeggia i 31 anni nel modo migliore: ottima prova per lui, vince sempre i contrasti di testa e quando a centrocampo manca un po’ di inventiva chiama palla, sale in cattedra e comincia a tirare le file di tutta la squadra. Per i 31 anni si è regalato davvero una gara splendida. (Dal 62′ Ervin Zukanovic 6: Interventi sempre precisi e puntuali).

Frank Kessiè 6,5: Un gladiatore. Lotta dal 1′ all’81’ su ogni palla e su ogni contrasto. Cresce enormemente nel secondo tempo. (Dal 81′ Bryan Cristante 5,5: porta tanta grinta in campo ma solo davanti a Rafael sbaglia un gol praticamente fatto).

Remo Freuler 6: Partita senza infamia e senza lode per lui. Da segnalare due bei lanci per il Papu.

Jasmin Kurtic 6: Partita incolore per lo slovacco, corre molto ma sbaglia tanto; si salva solo nella fase difensiva in cui è davvero secondo e ingombrante per gli avversari.

Andrea Conti 7: Corre come un dannato dall’inizio alla fine della partita, sfreccia sulla fascia senza sosta. Subito un assist dopo 4 minuti e una marea di cross offerti in area.

Leonardo Spinazzola 6: Oggi più difensivo del solito, in avanti si vede poco ma riesce comunque a servire buoni passaggi a Petagna e al Papu.

Andrea Petagna 6,5: Non segna ma come al solito si sbatte come pochi, sul campo è onnipresente, dà profondità, attacca lo spazio, lotta al centro, attacca e nel finale lancia Cristante verso la porta; insomma, quando c’è bisogno lui c’è sempre.

Alejandro Gomez 7,5: Ormai idolo del web dimostra di avere, oltre alla simpatia, anche una classe e una tecnica davvero rare. Il primo gol è abbastanza semplice visto che lui e Conti ormai si trovano a memoria mentre il secondo è arte pura: vede Rafel mal posizionato e decide che il 2-0 lo deve siglare lui. Tira di collo da fuori e insacca la palla proprio sotto la traversa. Che giocatore! (Dal 45′ Anthony Mounier S.V.).

CAGLIARI

Rafel 5,5: Sul primo gol può poco, ma il secondo è viziato da un suo scorretto posizionamento. Nel finale poi fa una bella parata su Cristante ma questo non basta per rendere la sua prestazione sufficiente.

Marco Capuano 5: per tutta la partita rimane basso, anche troppo, facendo una fatica enorme a chiudere Conti. (Dal 79′ Federico Serra S.V.).

Luca Ceppitelli 6: Forse il migliore del Cagliari, fa buona guardia ma sul primo gol si addormenta come tutti suoi compagni di reparto. (Dal 38′ Artur Ionita S.V.).

Bruno Alves 5,5: Anche lui fatica molto durante la partita. Non riesce mai a chiudere il Papu che quasi sempre gli scappa in velocità lasciandolo basito sul posto. Spreca una punizione da posizione molto favorevole.

Fabio Pisacane 5: Pessima prova per il centrale italiano. Quasi sempre in ritardo cerca di chiudere come meglio può Gomez non riuscendoci mai; come si può anche notare dal punteggio finale.

Daniele Dessena 5: Male anche per lui, primo tempo incolore per poi calare drasticamente nel secondo, dove più volte cerca di salire in cattedra ma con scarsi risultati. (Dal 70′ Senna Miangue 6: Mandato un campo probabilmente per difendere quella che già era una sconfitta assodata, fa il suo lavoro e in un paio di occasioni chiude bene Conti).

Panagiotis Tachtsidis 5,5: A centrocampo cerca di fermare gli avversari con le unghie e con i denti, riuscendoci poco però.

Mauricio Isla 4,5: Senza dubbio il peggiore in campo, perde palloni a iosa, buca molti interventi e quando c’è da buttarla in mezzo sbaglia completamente le misure. Di sicuro non quello a cui siamo abituati.

Davide di Gennaro 5: Lontano da ogni azione soffre tantissimo la pressione e la fisicità di Kessiè e di Kurtic.

Nicolò Barella 5,5: Si muove molto e lotta parecchio lì in mezzo, ma con risultati scadenti. Molto spesso s’invola verso la porta di Berisha ma puntualmente gli viene rubata palla.

Marco Borriello 5: Il Borriello che tutti si aspettavano probabilmente è rimasto a casa a farsi i selfie, quello che si è visto oggi è un attaccante incolore a cui viene sì dato poco, ma che spreca anche quel poco che ha. Poteva e doveva fare meglio.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.