BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“La mafia ora si diffonde con i social e al Nord si infiltra nelle attività produttive”

Lia Staropoli, avvocato e scrittrice calabrese, proprio per il suo impegno come attivista contro le organizzazioni mafiose è tra i premiati alla decime edizione del "Premio D'Andrea"

Più informazioni su

Una vita caratterizzata dall’impegno contro la mafia. Lia Staropoli, avvocato e scrittrice calabrese, proprio per il suo impegno come attivista contro le organizzazioni mafiose è tra i premiati alla decima edizione del “Premio D’Andrea”, il titolo dedicato al brigadiere della polizia stradale ucciso insieme al collega Renato Barborini nel 1977 a Dalmine da Renato Vallanzasca.

Lia Staropoli

Lia Staropoli, 38 anni, fin da giovanissima si sta battendo per arginare la diffusione della mafia. A partire dalla Calabria e dal piccolo paesino in cui vive, Limbadi, in provincia di Vibo Valentia. È presidente dell’Associazione “ConDivisa – Sicurezza e Giustizia”, e componente nazionale del movimento “Ammazzateci tutti”, oltre a essere il legale rappresentante del sindacato di Polizia COISP. Una vita rischiosa, che la porta a subire spesso ritorsioni da parte di boss o affiliati alle cosche.

La

La “santa” setta, di Lia Staropoli

Cosa l’ha spinta a intraprendere questo percorso contro la ‘ndrangheta? 

“Penso che certe situazioni non si debbano accettare. Sono nata in una famiglia che mi ha trasmesso dei valori sani e mi ha spinto a intraprendere iniziative nel contrasto alla criminalità organizzata, soprattutto a diffondere principi come la legalità e l’antimafia”.

Come attestano le operazioni di forze dell’ordine e magistratura, la mafia si sta estendo anche al nord e a Bergamo: in quali modi? 

“La criminalità organizzata e la ‘ndrangheta ormai sono diventate leader incontrastate del narcotraffico internazionale. Però hanno l’esigenza di infiltrarsi e di riciclare il denaro sporco e per questo obiettivo si sposta al Nord, anche a Bergamo. Si infiltrano nell’economia locale, senza farsi riconoscere, magari con soggetti dal colletto bianco e con una valigetta piena di soldi di cui non si conosce la provenienza”.

Che messaggio vuole dare ai giovani che vogliono battersi come lei?

“Intanto evitiamo anche solo di mettere un “like” a post su Facebook che sostengono le attività malavitose. Dobbiamo educare i ragazzi a contrastare ogni forma di criminalità in ogni territorio e a schierarsi sempre dalla parte delle forze dell’ordine, perchè la sicurezza si costruisce con un buon rapporto tra cittadini e forze dell’ordine appunto”.

GUARDA l’INTERVISTA COMPLETA CLICCANDO QUI

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.