BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Clusone, via libera ai negozi nell’ex Mirage: insorgono le minoranze

Approvate in Consiglio comunale le modifiche al programma d'intervento e la conversione della destinazione d'uso di 750 metri quadrati da terziario a commerciale. Una decisione che non ha mancato di scatenare le polemiche di commercianti e minoranze

Via libera ai nuovi spazi commerciali nell’area dell’ex cinema Mirage a Clusone. Il Consiglio comunale di martedì 31 gennaio ha approvato le modifiche al programma di intervento e la conversione della destinazione d’uso di 750 metri quadrati da terziario a commerciale.

Una decisione che non ha mancato di scatenare le polemiche dei commercianti e delle minoranze: “Già dieci anni fa ero contrario a questo programma integrato di intervento – ha detto il Consigliere di “SiAmo Clusone”, Francesco Moioli -. Non condivido la destinazione di negozi in via Europa poiché spetta al privato assumersi il rischio di impresa”.

“L’area in oggetto doveva essere destinata a tutt’altro che zona commerciale – afferma Massimo Morstabilini di Clusone Viva -. Siamo contrari e ci chiediamo per quale motivo il gruppo di maggioranza discuta su questa variante. Sarebbe meglio puntare sul rilancio del centro storico”.

Gli fa eco Laura Poletti, di Clusone nel Cuore: “Già un anno fa avevamo chiesto di porre attenzione a questo problema e ci era stato risposto che la domanda di variante non era stata protocollata. Sono state raccolte 1.800 firme, i commercianti hanno espresso la loro sofferenza: oggi mi chiedo il motivo che vi ha spinto a portare in Consiglio questa variante”.

Il sindaco Paolo Olini risponde: “Le discussioni di dieci anni fa, quando io mi trovavo al posto in cui ora siede Morstabilini, erano relative ai volumi; oggi dobbiamo discutere sulla situazione attuale che ci ritroviamo. Siamo sicuri che ciò che proponiamo non è illegittimo, abbiamo raccolto diversi pareri ed effettuato verifiche grazie al Segretario. Anche noi puntiamo alla valorizzazione del centro storico. I commercianti non si sono presentati in Consiglio per protesta; ma con le proteste non si ottiene molto. La mia disponibilità nei loro confronti c’è, ma spetta anche a loro essere propositivi. Ricordo che per il progetto sui negozi sfitti solo tre commercianti ci hanno incontrato, tutti gli altri si sono rifiutati”.

Al termine della discussione la maggioranza ha approvato la variante, mentre sono stati tutti contrari i consiglieri di minoranza. L’argomento sarà rimesso in discussione tra un mese e si passerà all’approvazione definitiva.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.