BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Vita da studente: weekend da coma

Nicole Motta, studentessa dell'ultimo anno dell'istituto ISIS Mamoli racconta un classico weekend durante l'anno scolastico...in discoteca? No, sui libri per uno studio matto e disperatissimo!

Più informazioni su

Nicole Motta, studentessa dell’ultimo anno dell’istituto ISIS Mamoli racconta un classico weekend durante l’anno scolastico…in discoteca? No, sui libri per uno studio matto e disperatissimo!

Il sabato e la domenica sono quei due giorni della settimana che uno studente aspetta con agonia, pronto a distruggersi e a dimenticare anche il proprio nome.

Ogni studente, il sabato mattina, arriva in classe con la cartella vuota con la speranza di non essere interrogato, ma non sempre la fortuna è dalla loro parte.

Prima ora: interrogazione della materia più ostica con la professoressa che li odia. Tutte le preghiere rivolte ad ogni creatore dei social network la sera prima non sono servite a niente: nessuna lampada di Aladino che compare, nessun Ghost Rider che fa polverizzare l’insegnante.

E quando a casa si pensa di trovare un attimo di pace, ecco che la classica frase da parte della mamma distrugge le aspettative: << pulisci il porcile della tua stanza, o stasera non esci! >>, frase che anche all’età di quarant’anni metterà i brividi.

Per affrontare un sabato pomeriggio ci sono diverse opzioni: la prima è quella del riposino pomeridiano rigenerante per coloro che andranno poi in discoteca; la seconda, molto gettonata, la partita con la squadra da calcio; l’ultima, ma non meno importante, andare a farsi consolare dalla nonna con una bella cioccolata calda.

La domenica è il giorno di ripresa per chi il dì precedente ha fatto serata, o semplicemente il giorno giusto per prosciugare la carta di credito del papà facendo dello shopping, o di dedicarsi ai propri hobby: fotografica, pettegolezzi e serie TV.

La domenica sera? Inizia lo studio matto e disperatissimo, peggio di Leopardi, per la verifica alle prime due ore del lunedì.

Riprende così ogni lunedì la noiosa, ansiolitica, stressante, routine.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.