BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Amianto alla Franco Tosi, assolti anche in appello Pesenti e gli ex manager

Conferma dell'assoluzione di primo grado per gli 8 ex manager della Franco Tosi di Legnano, tra cui l'attuale presidente di Italmobiliare Giampiero Pesenti, imputati a Milano per omicidio colposo in relazione alla morte di una trentina di operai in seguito all'esposizione alle polveri di amianto.

Imputati a Milano per omicidio colposo in relazione alla morte di una trentina di operai in seguito all’esposizione all’amianto, i giudici della quinta corte d’Appello di Milano, lo scorso martedì 24 gennaio, hanno confermato l’assoluzione per gli 8 ex manager della Franco Tosi di Legnano.

Tra questi figura l’attuale presidente di Italmobiliare Giampiero Pesenti, stabilendo inoltre che le parti civili Medicina Democratica e l’Associazione Italiana Esposti Amianto (Aiea) dovranno pagare le spese legali relative al giudizio.

Le motivazioni saranno depositate entro 90 giorni.

giampiero pesenti

Il giudice della quinta sezione penale del Tribunale di Milano Manuela Cannavale, nell’aprile 2015, aveva assolto gli otto imputati con le formule “perché il fatto non sussiste” e “per non aver commesso il fatto”.

I lavoratori, secondo l’accusa, si erano ammalati di mesotelioma pleurico per aver lavorato negli anni ’70 e ’80 nello storico stabilimento metalmeccanico dove avrebbero respirato polveri di amianto. Il giudice Cannavale, nelle motivazioni, aveva sottolineato che “Le invocazioni alla ricerca di un responsabile per queste drammatiche morti non cadono nel vuoto, ma la tragedia collettiva, che purtroppo vedrà il suo picco tra dieci anni, non può e non deve essere risolta sul piano penalistico”. E “caricare i parenti delle vittime di aspettative che non possono essere soddisfatte non pare nemmeno corretto”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.