BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La roggia di via Caravaggio, discarica a cielo aperto fotogallery

Sacchi dell'immondizia, bottiglie e fusti vuoti ma anche un'intera confezione composta da nove lattine di birra ancora chiuse e dei tubi di plastica per opere idrauliche.

Sacchi dell’immondizia, bottiglie e fusti vuoti ma anche un’intera confezione composta da nove lattine di birra ancora chiuse e dei tubi di plastica per opere idrauliche. Sono questi, e non solo, i rifiuti che in questi giorni si potevano trovare all’interno della storica roggia di via Caravaggio tra Brignano Gera d’Adda e Vidalengo. Uno spettacolo di certo poco gradevole alla vista, soprattutto in un’area naturalistica che, oltre ad ospitare svariate specie animali, è oggetto di visita da parte di numerosi cittadini che di norma amano passeggiare lungo il chilometro e mezzo di lunghezza delle strada che costeggia la roggia.

Sono proprio questi cittadini che hanno lanciato l’allarme, lamentandosi sopratutto per l’inciviltà di chi scambia l’ambiente e il suolo cittadino per una discarica a cielo aperto gettando, in acqua o sulle vicine sponde, spazzatura di ogni tipo.

In merito alla vicenda ovviamente allertate le amministrazioni comunali di Brignano e Caravaggio – la competenza della strada infatti spetta a entrambi – che hanno deciso di correre immediatamente ai ripari: “Abbiamo informato l’ufficio tecnico il quale è già uscito per un sopralluogo – afferma il vicesindaco di Brignano Stefano Biffi – Abbiamo già in programma in città delle pulizie extra con l’aiuto dell’Associazione ARCI di Brignano, con cui abbiamo una convenzione, e nella zona interessata di nostra competenza siamo intervenuti quanto prima in modo da risolvere velocemente il problema”.

rifiuti roggia brignano

Dello stesso avviso il primo cittadino di Caravaggio, che, informato della problematica ha dato mandato agli uffici comunali di effettuare quanto prima la pulizia dell’area competente.

Sulle possibili soluzioni da adottare per estirpare questa cattiva abitudine l’ex professore caravaggino afferma: “Si tratta purtroppo di un grave problema di inciviltà, noi ce la mettiamo tutta e siamo sempre pronti a intervenire per rimuovere i rifiuti, ma il fenomeno dopo poco si ripresenta. Stiamo valutando, in collaborazione con il comune di Brignano, alcune soluzioni per quella strada, per limitare in parte questi e altri disagi. Abbiamo valutato ad esempio la possibilità di renderla utilizzabile solo ai residenti o addirittura chiuderla del tutto al traffico e renderla solo ad esclusivamente una via ciclopedonale, anche perché, in un determinato punto, parte della riva della roggia sta lentamente cedendo e dovremo comunque intervenire. E’ bene comunque sottolineare che si tratta di fenomeni di inciviltà, che si possono contrastare anche con la buona educazione e il rispetto da parte dei cittadini”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.