BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Riforma Ascom, Malvestiti: “Apriamo ad imprese e professionisti”

Pubblichiamo l'intervento del presidente Paolo Malvestiti, presidente Ascom Bergamo Confcommercio Imprese per l’Italia.

Lunedì 23 gennaio si è svolta in Ascom l’Assemblea straordinaria per la revisione dello Statuto. L’Assemblea è stata introdotta dagli interventi del presidente di Ascom Confcommercio Bergamo, Paolo Malvestiti, dei due vicepresidente dell’Associazione, Riccardo Martinelli e Giovanni Zambonelli. Infine, direttore dell’Associazione, Oscar Fusini, ha presentato le modifiche apportate.
Pubblichiamo l’intervento del presidente Paolo Malvestiti, presidente Ascom Bergamo Confcommercio Imprese per l’Italia.

Buon giorno a tutti e grazie per essere intervenuti.
l’assemblea di oggi è convocata in via straordinaria per l’approvazione della proposta di modifica dello Statuto dell’Ascom.
È il passaggio finale di un percorso che ha visto l’approvazione della bozza di Statuto prima nel Consiglio direttivo convocato lo scorso mese di ottobre e di seguito nel Consiglio delle categorie di fine 2016.
È da molti anni che in Ascom non veniva organizzata un’assemblea straordinaria, e la decisione di convocare questo momento è dovuto al fatto che lo Statuto è il fondamento di un’Associazione e rappresenta il sistema di regole che legano i soci all’Associazione stessa.

Le modifiche proposte non rappresentano un passaggio formale e dovuto di adeguamento alla carta statuaria di Confcommercio Imprese per l’Italia che, dal 2009 al 2014, ha completamente modificato il sistema dei principi e dei valori della Confederazione. E non è nemmeno una semplice revisione dell’ordinamento della nostra Associazione.

L’ultima modifica dello Statuto fu fatta quasi vent’anni fa, quando furono apportare delle semplici variazioni. La revisione di oggi ricorda invece quella profonda operata nel 1956, più di 60 anni fa.

Eravamo nel periodo del boom economico ed era necessario, a dieci anni dalla nascita di Ascom, regolamentare la partecipazione alla vita associativa degli iscritti che stavano assistendo all’affermarsi del moderno commercio che poi ha caratterizzato i decenni successivi.

Così come allora, le modifiche di oggi rappresentano un cambiamento significativo per la nostra Associazione che ha vissuto i profondi cambiamenti degli ultimi anni, accelerati dalla situazione di crisi verificatasi soprattutto sul versante dei consumi tradizionali.

Con il nuovo Statuto intendiamo da una parte tracciare in maniera nuova il senso di identità e la partecipazione dei nostri associati alla vita dell’organizzazione; dall’altra, attraverso l’utilizzo dei codici etici confederali, garantirne la sopravvivenza e lo sviluppo a lungo termine.
Sono diverse le novità introdotte, a partire dal nome che da Associazione degli esercenti e dei commercianti della Provincia di Bergamo diventa Ascom Bergamo Confcommercio Imprese per l’Italia.

Ma sono altre le modifiche più significative e incisive per la vita della nostra Associazione.
Innanzitutto abbiamo esteso la rappresentanza all’ambito dei servizi alle imprese e alle persone, coinvolgendo il sistema delle professioni, cercando così di proiettare la tutela dell’organizzazione verso un numero sempre crescente di imprese e professionisti.

Dentro questa apertura vogliamo superare sia la tradizionale separazione settoriale tra commercio, turismo e servizi ponendo al centro l’impresa e i suoi bisogni, sia i confini provinciali dettati da una logica amministrativa in senso stretto, pur mantenendo la nostra forte radice nel territorio bergamasco.

L’approvazione del nuovo Statuto rappresenta per l’Associazione un momento particolarmente significativo nel processo di cambiamento e di evoluzione. E’ un passaggio coordinato e sinergico volto al potenziamento dei servizi verso i soci, alla politica di avvicinamento al territorio e di innovazione nella rappresentanza.

Motivazioni queste che hanno sostenuto la nostra Associazione nel recente e significativo investimento di ristrutturazione della sede centrale di Bergamo.

Prima di terminare, mi preme ringraziare le persone che hanno collaborato nel percorso durato quasi un anno e mezzo e che ci ha portati oggi a sottoporvi il nuovo Statuto. Mi riferisco ai due vicepresidenti, al direttore, e ai funzionari che hanno lavorato nel gruppo di lavoro costituitosi appositamente. Ringrazio gli avvocati che ci hanno assistito: Costante Persiani, consulente dell’Unione del Commercio di Milano e Gianfranco Lodetti, nostro legale di riferimento e probiviro dell’Associazione. Ringrazio inoltre il notaio Giovanni Vacirca, che ci assiste oggi per l’Assemblea.
Infine gli uffici preposti di Confcommercio Imprese per l’Italia con i quali ci siamo confrontati in modo costruttivo.
Paolo Malvestiti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.