BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Quaranta giorni di disagi e rabbia: ecco il diario giornaliero di una pendolare bergamasca fotogallery

Lucia Ruggiero, del Comitato Pendolari Bergamaschi, ha scritto una sorta di diario ironico (ma non troppo) sulle disavventure quotidiane che deve affrontare chi ogni giorno si affida alle ferrovie per recarsi sul luogo di lavoro.

Più informazioni su

Un’impressionante sfilza di ritardi, disagi e segnalazioni: la dura vita del pendolare tra la metà di dicembre e questo inizio di gennaio è stata riassunta da Lucia Ruggiero del Comitato Pendolari Bergamaschi che, aiutandosi con le oltre 100 segnalazioni ricevute sulla forma di quellideltreno.com ha scritto una sorta di diario a tratti ironico.

Un documento che copre quasi ogni giorno del periodo preso in esame, vacanze di Natale escluse.

A partire da metà dicembre 2016, data del cambio orario sulle direttrici del Quadrante Est lombardo (Bergamo, Brescia, Cremona) e della rimodulazione di servizio a causa dell’arrivo dell’Alta Velocità Milano-Treviglio, il Comitato Pendolari Bergamaschi ha messo a disposizione dei pendolari una semplice form online per raccogliere reclami e segnalazioni di ritardi, guasti o problemi ai treni della linea Milano-Bergamo.

Dalla data dell’11 dicembre sono state raccolte 111 segnalazioni per non parlare delle decine di segnalazioni sulla pagina Facebook e questo vuole essere il primo documento di sintesi, praticamente un DIARIO per capire quali disagi – ovviamente tra quelli segnalati – hanno investito i viaggiatori nelle giornate di metà dicembre e di gennaio 2017.

Le riassumo qui in una sorta di mio personalissimo Diario di Pendolare di fine 2016 e inizio 2017:

11 dicembre 2016
Treno 2631 da Milano per Bergamo delle 18.05 ritardo di 10 minuti segnalato; Ci vengono segnalati ritardi e soppressioni sul collegamento MI-BG via Carnate

12 dicembre 2016
Vengono segnalate diverse carrozze fredde su un treno della mattina 2606 (ore 7,35 per Milano); la sera il treno 2631 fa 15 minuti di ritardo mentre sulla via Carnate il 10760 ne fa 24 minuti. Il treno Bergamo-Brescia delle 19.07 invece è cancellato. Sempre lo stesso giorno il treno 10813 delle 19,22 da Milano per Bergamo ha 35 minuti di ritardo e i treni 2635 e 2637 (sempre MIBG in fascia tardo serale) accumulano rispettivamente 10 e 18 minuti di ritardo. Arrivano diverse segnalazioni di pendolari infuriati perché l’anticipo della partenza da Milano Centrale del treno 2631 alle 18,05 non permette loro di prenderlo in modo agevole come prima e molte coincidenze sono saltate.

13 dicembre 2016
Santa Lucia non migliora la condizione dei pendolari orobici, che continuano a segnalare disagi. Da Verdello segnalano il treno della prima mattina alle 6,41 per
Milano in ritardo di 35 minuti con annessa attesa a -3°C sulla banchina di una stazione non presidiata ormai da anni. Intanto il 4908 da Brescia per Bergamo arriva con 18 minuti di ritardo. Intanto il 2604 ha invece 23 minuti di ritardo. Ma non è finita. Il treno delle 8,02 da Bergamo per Milano, per un guasto, parte questa mattina da Verdello lasciando a piedi tutti i pendolari della città. Sottolineiamo come queste “soppressioni parziali” non si accumulino nel tasso di soppressioni mensili di Trenord, proprio perché parziali. Peccato però che per gran parte dei viaggiatori la percezione sia di una soppressione totale e assicuri ritardo al lavoro per centinaia di persone.
La sera Santa Lucia continua a non essere clemente. Il 17,22 da Garibaldi per Bergamo via Treviglio subisce 30 minuti di ritardo. Il 2631 invece arriva a Bergamo con 15 minuti di ritardo e il successivo 2633 con 10 minuti di ritardo. Qualcuno segnala inoltre come su APP MyTrain alcuni treni siano comunicati come “in orario” nonostante i palesi ritardi e, soprattutto, come nessuno mai a bordo segnali le ragioni dei ritardi. Il tempo passa ma non cambia la situazione: con un treno in ritardo, i capitreno tendono a fuggire dai passeggeri anziché informarli.

14 dicembre 2016
La giornata si apre con una segnalazione “al contrario”. Un passeggero della Treviglio-Bergamo ci segnala che anche in senso opposto le cose non vanno meglio. Infatti, il treno delle 8,23 da Treviglio per Bergamo ha circa 10 minuti di ritardo e il convoglio percorre la linea alla velocità di una lumaca. Insomma, mal comune mezzo gaudio.
Continuano intanto le “lamentazioni” dei pendolari della via Carnate che giustamente segnalano una situazione sempre critica. Il treno 10758 fa 25 minuti di ritardo. Il treno 10760 (il successivo) ne fa 15 minuti e l’amico che segnala sottolinea come questo treno ne faccia praticamente sempre almeno 10. La sera il 2629 delle 17.05 parte da Milano Centrale con 22 minuti di ritardo e arriverà a Bergamo con 50 minuti di ritardo. Praticamente due viaggi al prezzo di uno. Motivazione? Indisponibilità del personale (cioè era forse in bagno?). Intanto il 17,31 da Garibaldi via Carnate per Bergamo ha i “soliti” 15 minuti di ritardo. Il 19,05 (treno di lusso evidentemente) invece ne accumula solamente 7.

15 dicembre 2016
Ta-dah! Giorno nuovo per gli amici pendolari orobici ma niente nuova vita. Il 2602 ha già 10 minuti di ritardo di prima mattina a Pioltello e qualcuno si lamenta che non riuscirà a prendere il Frecciarossa. Se l’esperienza pendolare sul regionale fa schifo, tranquilli che i feedback sul viaggio in Alta Velocità non saranno comunque positivi,
cari amici del marketing Trenitalia. La sera il treno 2633 parte da Milano Centrale con 7 minuti di ritardo. Praticamente all’orario vecchio…

19 dicembre 2016
Un lungo weekend di tranquillità pendolare ci separa da questo lunedì mattina già ricco di segnalazioni. Dalla Brescia-Bergamo le prime lamentele con ritardi attorno ai 10
minuti per il 4609 (che poi diventa un treno per Milano via Carnate quindi in ritardo anche lui). Il treno per Milano delle 8,02 invece accumula 8 minuti di ritardo. Una bazzecola praticamente. La sera però ci rifacciamo con il 10807 delle 16,43 con 10 minuti di ritardo, il 10811 con 5 minuti e il 2633 con 20 minuti di ritardo. Per fortuna perché iniziavamo a essere un po’ preoccupati dalla troppa precisione…

20 dicembre 2016
Avanti, pendolare, avanti. Si avvicina il Natale con i suoi doni. Il giorno si apre con una soppressione sulla via Carnate, il treno delle 7,53 cade vittima di un guasto al treno corrispondente. Sigh. Il 15,05 da Milano Centrale per Bergamo parte con 10 minuti di ritardo, a testimonianza che anche nelle fasce di morbida qualche problemino c’è.
Il 2629 serale ha 7 minuti di ritardo, il 10809 delle 17,43 da Lambrate ne ha 15 di minuti di ritardo, il 2631 delle 18,05 arriva a Bergamo con oltre 20 minuti di ritardo. Il treno a Lambrate è annunciato prima al binario 9, poi al binario 7, poi al 6 e infine di nuovo al 7. Per la serie, vogliono tenerci in forma con un sano allenamento di
step gratuito. Niente abbonamento in palestra nel 2017! Basta essere pendolare.

21 dicembre 2016
Avremo mai un giorno tranquillo? Probabilmente sì ma non è sicuramente il 21 dicembre 2016. La giornata inizia bene ma termina in modo tumultuoso. Il 2627 delle 16,05 inizia con 10 minuti di ritardo la sua corsa verso Bergamo da Milano Centrale. Il 10807 invece accumula 20 minuti di ritardo. Il 10809 ne totalizza 14. Il campione serale è ancora il 2629 delle 17,05 con 31 minuti di ritardo. Anche sulla via Carnate i ritardi sono nel range dei 10 minuti per ogni treno in fascia serale.

23 dicembre 2016
Per molti è l’ultimo giorno di lavoro prima di Natale. Una pausa molto meritata per il pendolare medio. Per quello della via Carnate anche di più. Si parte con il 7,23 della mattina che a Carnate si ferma per 26 minuti senza che i passeggeri ricevano alcuna spiegazione da parte del personale. Non pretendiamo la perfezione ma ci piacerebbe
avere il rispetto. La sera il 18,05 arriva con circa 10 minuti di ritardo a destinazione da Milano.

24 dicembre 2016
Uno stoico ci segnala che il treno delle 6,02 per Milano arriva con 17 minuti di ritardo. Molti passeggeri sono in partenza per le festività e perdono coincidenze con l’Alta Velocità a Milano. Però tranquilli, la prossima volta vedrete che Trenitalia e Italo vi consigliano il bus da Bergamo e l’assessore il Freccia Argento per Roma, così i treni regionali potete evitarli, voi che potete.

04 gennaio 2017
Buon anno a tutti i pendolari orobici! Siamo finalmente nel 2017 e anche la nostra pagina vuole partire con il piede giusto. Anzi no. Il treno 10760 via Carnate è soppresso e un viaggiatore si lamenta di aver dovuto prendere la macchina per poter arrivare al lavoro. La sera, il treno “re dei pendolari bergamaschi” sua Maestà il 18,05 è soppresso anche lui. Ma non fa tanto rumore perché molti di noi sono ancora a gustare panettone e torrone nelle loro case.

10 gennaio 2017
Si riprende davvero. Anche i più temerari amanti delle vacanze prolungate tornano al lavoro e a lezione. I treni si risvegliano dal torpore natalizio per ritrovarsi a fare i conti con il gelo dell’inverno. Il treno delle 8,02 – Vivalto – ha una carrozza buia e fredda, quindi vuol dire che un treno già piuttosto pieno e con posti limitati come un
Vivalto da 6 vetture, oggi viaggerà solo con 5 vetture in condizioni accettabili. Fortuna che è un treno nuovo. Intanto il treno delle 7,35 accumula 20 minuti di ritardo per un treno precedente guasto. Maddai. I viaggiatori della Brescia-Bergamo intanto continuano giustamente a lamentarsi per le continue soppressioni e per i tanti
ritardi sulla tratta. Come se non bastasse, da loro le guardie non si sono ancora viste e la situazione di disagio e mancanza di sicurezza è veramente molto alta.

11 gennaio 2017
Il solito treno delle 17,05 da Milano Centrale per Bergamo è un solito Vivalto e solitamente le porte non riescono a chiudersi. Ecco, succede anche oggi. E parte e arriva con 10 minuti di ritardo. Anche il 2633 delle 19,05 avrà altri 10 minuti di ritardo. Pendolari esasperati ci scrivono, arrabbiati per gli orari nuovi e per i costanti ritardi per problemi ai treni oppure per cause ignote che ovviamente non sono date sapere.

12 gennaio 2017
Praticamente la fotocopia del giorno precedente. Il 2606 della mattina 7,35 per Milano ha 16 minuti di ritardo. Il successivo 2608 delle 8,02 invece ne totalizza 13.
Arrivare al lavoro ormai è un terno al lotto e chi non gode di orari flessibili inizia a non farcela proprio più.

13 gennaio 2017
Nella notte è arrivata la prima neve e i pendolari bergamaschi trovano una sorpresa. Le banchine dei binari sono tutte ghiacciate, diventate un’unica lastra di ghiaccio.
Alcuni devono raggiungere il treno (soprattutto ai binari 1 Ovest e 4 Est) aggrappandosi ad amici o alle reti di protezione. Del resto, il pendolare bergamasco è ormai Santo e quindi sa volare…A cosa gli servirà mai il sale sul ghiaccio?

16 gennaio 2017
Il treno 2629 – sì, sempre lui – parte di nuovo con 19 minuti di ritardo. Ma di sfortuna non ce n’è mai abbastanza. Basta qualche minuto e Milano Centrale va in tilt. Dal binario 1 al binario 12 è black-out e nessun treno sembra poter partire. I treni successivi per Bergamo sono “attestati” a Milano Lambrate, quindi vuol dire che arriveranno e partiranno da lì, non potendo accedere a Milano Centrale. Confusione e smarrimento tra i passeggeri, soprattutto quelli occasionali e stranieri. Noi pendolari invece, dopo due giravolte su noi stessi, sappiamo perfettamente cosa fare e quindi ci buttiamo tutti su Milano Porta Garibaldi o appunto su Lambrate. Ma al grido di “Lombardia concreta!” anche chi sta raggiungendo di corsa Garibaldi e spera anche nella Carnate, sbaglia. Infatti il 18,31 per Bergamo via Carnate ha ben 30 minuti di ritardo.
Il guasto a Milano Centrale si risolve solo verso le 19,50 della sera.

17 gennaio 2017
Ah no, sbagliavamo. Ci avevano solo messo una toppa perché alle 11,19 di oggi Milano Centrale va di nuovo in tilt. Identico problema di ieri sera e che causa fino a 60 minuti di ritardo su moltissimi treni regionali e a lunga percorrenza. La sera tentiamo di prendere il 10811 da Milano Garibaldi per Bergamo via Treviglio. Peccato che le porte non si aprano e che i pendolari siano costretti a restare fuori al gelo in attesa che qualcuno riesca ad aprire il treno. Passateci un’apriscatole per favore, grazie. Il tutto causa un ritardo di circa 10 minuti. Non va meglio al 10785 via Carnate perché una carrozza nelle retrovie del treno va in fumo. I freni si bloccano e iniziano a fumare.
Respirate gente, fa bene ai bronchi, giuro. Altro che influenza! Anche questo regalino causa una dozzina di minuti di ritardo al treno.

19 gennaio 2017
Treno delle 7,16 per Milano della mattina soppresso per guasto al treno. Come sempre pendolari lasciati a pascolare in giro per i binari a Bergamo, incerti se attendere che il treno parta oppure lanciarsi su quello successivo. Nessuna assistenza al cliente, ma non è una novità. La sera non va meglio perché il 10809 delle 17,22 per Bergamo ha 28 minuti di ritardo e il 10811 delle 18,22 è annunciato in partenza con 20 minuti di ritardo. Sul tardi anche il 20,05 per Bergamo accumulerà 10 minuti di
ritardo.

20 gennaio 2017
Il treno delle 7,16 è di nuovo fermo ma stavolta per un guasto a un altro treno in linea. Perché il pendolare orobico non è fortunato ma anche gli altri lombardi non sono da meno. Il treno comunque resta fermo oltre 40 minuti tra Pioltello e Milano Lambrate. Praticamente uno stop a pochi metri dal traguardo. Davvero irritante! Il successivo delle 7,35 invece totalizzerà 15 minuti di ritardo mentre il treno delle 8,35 per Milano sarà soppresso. Tutto nella norma anche sulla Brescia-Bergamo con ritardi sui 20
minuti per il 4914. La sera il treno 10809 delle 17,22 per Bergamo ha una doppio piano che a Pioltello ha una carrozza che di nuovo inizia a emettere fumo da un freno bloccato. Facciamo peccato a pensare che si tratti dello stesso treno che era sulla Carnate il giorno prima? No, non facciamo peccato ma ammettiamo di non aver controllato quindi non ci mettiamo le mani sul fuoco, anzi sul fumo. Però il treno a Pioltello viene soppresso e di nuovo si tratta di una soppressione parziale che non verrà conteggiata correttamente. La gente scende e salirà su un pienissimo 18,05. Il treno delle 19,05 invece subisce un ritardo immotivato – o almeno non spiegato – di 20 minuti. Ci sono a bordo anche io con il mio biglietto dello spettacolo di Paolo Rossi al Donizetti. Ecco, mai comprare biglietti a teatro per il venerdì sera, se tra te e Paolo Rossi c’è Trenord.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.