BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Palafrizzoni: “Per Legge inammissibile il referendum della Lega sul piano della sosta”

Dopo la proposta del capogruppo della Lega Nord in consiglio comunale di Bergamo, Alberto Ribolla, di avviare una raccolta firme per indire un referendum contro il nuovo piano della sosta, arriva nel giro di poche ore la replica di Palazzo Frizzoni

Dopo la proposta del capogruppo della Lega Nord in consiglio comunale di Bergamo, Alberto Ribolla, di avviare una raccolta firme per indire un referendum contro il nuovo piano della sosta, arriva nel giro di poche ore la replica di Palazzo Frizzoni. (leggi qui)

Secondo l’articolo 65 del regolamento comunale i referendum su modifiche delle tariffe non sono ammissibili.
Ecco il testo dell’articolo :

Art. 65 – Referendum
1. Il sindaco indice il referendum su richiesta del consiglio o della giunta, nelle materie di rispettiva competenza o su richiesta di almeno il 3% dei cittadini elettori in caso di referendum consultivo e di almeno il 5% in caso di referendum abrogativo.

2. Il referendum deve comunque riguardare materie di esclusiva competenza locale che siano già oggetto di trattazione da parte del Comune; non è ammesso
referendum sullo statuto, sulle materie attinenti il bilancio, il rendiconto, i tributi comunali, le tariffe e i corrispettivi dei servizi comunali, il piano regolatore generale e gli strumenti attuativi, gli accordi di programma, la disciplina dello stato giuridico e del trattamento economico del personale dipendente, la disciplina del funzionamento degli organi comunali e dei consigli circoscrizionali, la costituzione di istituzioni, aziende speciali e società per azioni a prevalente partecipazione pubblica o consorzi, le nomine e gli incarichi, le contrazioni di mutui e l’emissione di prestiti obbligazionari, nonché su quelle in cui l’attività amministrativa comunale sia vincolata da leggi statali o regionali e su quelle che siano già state oggetto di consultazioni referendarie nell’ultimo triennio.

3. Il procedimento del referendum è disciplinato dal regolamento.

4. Il regolamento deve comunque prevedere:
a) che i promotori del referendum non siano inferiori a cento cittadini ovvero a due associazioni repertoriate con non meno di cento iscritti ciascuna;
b) che l’ammissibilità del quesito sia pronunciata da una apposita commissione;
c) che le votazioni per i referendum si tengano entro 12 mesi dalla dichiarazione di validità della richiesta di referendum, salvo diversa delibera del consiglio comunale, in casi di particolare urgenza;
d) che il referendum sia valido se ha partecipato al voto almeno la maggioranza degli aventi diritto;
e) che il risultato del referendum sia vincolante solo se abrogativo;
f) che l’organo competente debba adottare le proprie determinazioni, a maggioranza dei propri componenti, entro un termine non superiore a sessanta giorni dalla proclamazione dell’esito del referendum. Se il provvedimento è adottato dalla giunta comunale, il sindaco deve riferirne al consiglio.

5. L’indizione del referendum non comporta la sospensione dell’adozione di deliberazioni o determinazioni sulla materia oggetto della consultazione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.