BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Anche un’impresa bergamasca “spiata” dai fratelli Occhionero

L'impresa bergamasca Bergamelli Spa e l'architetto Pietro Biava compaiono nell'ordinanza di arresto di Giulio e Franca Maria Occhionero per la presunta attività di spionaggio.

“La costruzioni edili Bergamelli Spa, società di costruzioni con sede in provincia di Bergamo ma che opera su tutto il territorio nazionale” e “l’architetto Pietro Biava”, dal 2004 al 2009 consigliere comunale di Alzano Lombardo.

Compaiono anche i loro nomi nell’ordinanza di arresto di Giulio Occhionero, 45 anni, e della sorella Franca Maria Occhionero, 48 anni, per la presunta attività di spionaggio.

I due fratelli avrebbero utilizzato il malware EyePyramid allo scopo di “acquisire indebitamente informazioni, atti, documenti anche di natura riservata e pertinenti alla sicurezza pubblica al fine di trarre per sé o per altri profitto o di recare ad altri un danno”.

Secondo gli inquirenti lo spionaggio dei fratelli Occhionero non si è concentrato solo su massoni, politici e vertici istituzionali ma ha interessato anche ingegneri, architetti, avvocati e tributaristi. Nell’ordinanza si parla di “un elenco di 18327 username univoche, alcune delle quali corredate da password”, rinvenuto nei computer dei fratelli Occhionero. Un lungo elenco di spiati tra cui società di costruzioni come la “Pulcini Group”, la “Fincham Group” e la “Costruzione edili Bergamelli Spa” dove si specifica “con sede in provincia di Bergamo ma che opera su tutto il territorio nazionale”.

spionaggio

La società di costruzione con sede a Nembro e guidata da Stefano Bergamelli è molto conosciuta, non solo nella bergamasca.

Sul sito dell’azienda spiccano la realizzazione di alcune opere: l’accettazione dell’ospedale San Raffaele a Milano, la costruzione della sede della Giochi Preziosi a Cogliate e il quartier generale Mediaworld a Curno.

L’architetto Pietro Biava è il direttore tecnico dell’impresa Bergamelli, come risulta anche dall’attestazione SOA (la certificazione obbligatoria per la partecipazione a gare d’appalto per l’esecuzione di appalti pubblici di lavori).

Alla Bergamelli è stato affidato anche il restauro della Villa “le Due Palme” di Lampedusa, acquistata nel mese di giugno 2011 dall’ex premier Silvio Berlusconi, quando la maggiore delle isole delle Pelagie era alle prese con una massiccia emergenza profughi. Nel giugno del 2013 è stato lo stesso leader di Forza Italia a tagliare il nastro a Villa San Mauro, sui colli di Pontida, per l’apertura della casa di cura San Giuseppe costruita dall’impresa Bergamelli.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.