BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Migranti, Lega contro Palafrizzoni: “Sforato il tetto del 3 per 1.000 indicato dal Governo”

Interpellanza della Lega sul tema migranti. Alberto Ribolla, capogruppo del Carroccio cittadino, Luisa Pecce, consigliere comunale a Bergamo chiedono perché si sia sfiorato il tetto del 3 per 1.000 indicato dal Governo

Interpellanza della Lega Nord-Lega Lombardia di Bergamo sul tema dei migranti. Alberto Ribolla, capogruppo del Carroccio cittadino, Luisa Pecce, consigliere comunale a Bergamo scrivono: “A Bergamo città, stando ai dati ufficiali della Prefettura aggiornati ad ottobre, negli ultimi sette mesi le presenze di migranti si sono praticamente raddoppiate rispetto ai dati di marzo, passando da 250 a 481 richiedenti asilo. Le residenze della accoglienza diffusa sono passate da 1 a 5, le presenze nella Casa di Riposo Santa Maria Ausiliatrice di via Gleno sono triplicate essendo passate da 113 addirittura a quasi 300, sono abbondantemente più che raddoppiati gli ospiti del Patronato San Vincenzo passati da 18 a 45. A questi si aggiungono le 38 presenze del progetto Sprar. Ed ancora si aggiungono i circa 100 minori stranieri non accompagnati accolti in diverse comunità che hanno pesato per 1 milione e mezzo sul bilancio 2016 del Comune di Bergamo”.

Dopo la fotografia sui numeri, i due consiglieri comunali della Lega Nord affermano: “Considerato che secondo le direttive del governo la percentuale di migranti prevista per ogni comune è di 3 per ogni 1.000 abitanti. Il comune di Bergamo conta circa 120.000 abitanti e potrebbe quindi accogliere circa 360 persone e tale numero è abbondantemente stato superato quindi interpelliamo il sindaco Giorgio Gori e gli assessori competenti perché si sia sforato il tetto del 3 per 1.000 indicato dal Governo. E chiediamo se esista un piano strategico attinente la città circa i numeri delle persone ospitate, la disponibilità di spazi e locali e i tetti di spesa riguardo al tema dell’accoglienza e per chiarire fino a che punto si voglia insistere su una scelta che già ora sta facendo sentire il suo peso economico e sociale sulla città”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.