BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Insulti all’islam sugli spartitraffico lungo la Briantea

Scritte contro i musulmani campeggiano da almeno una settimana sulla strada provinciale 342, la cosiddetta Briantea, nel comune di Ponte San Pietro.

Scritte contro i musulmani campeggiano da almeno una settimana sulla strada provinciale 342, la cosiddetta Briantea, nel comune di Ponte San Pietro, sugli spartitraffico in cemento che delimitano l’accesso al cantiere dove sono in corso opere per la laminazione delle piene e la riduzione del rischio esondazione del torrente Lesina.

Una strada battutissima con pendolari che la percorrono quotidianamente per raggiungere la città e nelle altre ore del giorno è interessata da un intenso traffico commerciale da e verso Bergamo.

Nello specifico, le frasi offensive contro la religione musulmana sono state scritte con una bomboletta spray di vernice rossa e una di vernice blu. L’autore delle offese, come si evince dalla calligrafia, sarebbe sempre la stessa persona. Oltre alla grafia si possono notare alcuni errori: “Allah” scritto al contrario “Halla” e “Maometo” invece che “Maometto”.

Scritte che assumono un particolare significato alla luce degli attentati che nei mesi scorsi che hanno sconvolto l’Europa e testimoniano come l’attualità irrompa nel cuore del nostro territorio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da alpino

    gentile Casanova, oltre alla sottolineatura finale circa la drammaticità di queste scritte ci si aspetterebbe uno smarcamento un po più coraggioso e inequivocabile.
    l’antislamismo diffuso è tollerabile e, soprattutto, utile per una società più civile e inclusiva?
    distinti saluti