BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Da Calcio ad Albino per derubare il parroco: arrestati 2 giovani

M.B., 23enne di origine calabrese, e R.B., 34enne di origine albanese, sono stati arrestati mercoledì 11 gennaio dai carabinieri di Clusone

Sono partiti da Calcio, nella Bassa, e hanno percorso quasi 40 chilometri per arrivare a Vall’Alta, frazione di Albino, in Val Seriana, con un obiettivo preciso: derubare il parroco, don Daniele Belotti.

M.B., 23enne di origine calabrese ma residente a Calcio, e R.B., 34enne di origine albanese ma residente a Martinengo, sono stati arrestati nel primo pomeriggio di mercoledì 11 gennaio dai carabinieri del comando di Clusone, coordinati dal capitano Diego Lasagni.

Secondo quanto ricostruito dai militari, i ladri, entrambi con piccoli precedenti penali, sono arrivati a Vall’Alta di Albino partendo da Calcio a bordo dell’auto del fratello del più giovane. Come se avessero un piano prestabilito, si sono diretti verso la casa di don Daniele Belotti, parroco del paese, tralasciando le altre abitazioni. In quel momento il sacerdote non era in casa.

Con un grosso cacciavite i due hanno forzato l’ingresso e una volta all’interno hanno arraffato 500 euro in contanti, alcuni monili d’oro e la chiave della cassaforte, probabilmente per il timore di essere stati notati dai vicini e con l’intenzione di tornare in un altro momento.

Una preoccupazione fondata, visto che alcuni residenti della zona li avevano visti entrare e hanno chiamato i carabinieri. I militari li hanno sorpresi mentre uscivano dalla canonica e li hanno arrestati.

Nel corso del processo per direttissima di giovedì 12 gennaio l’albanese si è avvalso della facoltà di non rispondere, mentre l’italiano ha raccontato di aver raggiunto Vall’Alta di Albino per bere un caffè, e poi, in cerca di qualcosa da mangiare, di essere andato con l’amico a casa del parroco e aver trovato la porta aperta.

Il giudice Vito Di Vita non ha però creduto alla versione e ha rinviato i due a processo per giovedì 2 febbraio, imponendo loro nel frattempo l’obbligo di dimora e il divieto di uscita notturno.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.