BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Alla luce di Roma, i disegni scenografici di scultori fiamminghi e il barocco romano

Fino al 26 febbraio a Roma, all'Istituto centrale per la grafica Museo dell’Istituto, in via della Stamperia 6, è possibile ammirare la mostra: "Alla luce di Roma, i disegni scenografici di scultori fiamminghi e il barocco romano".

L’Istituto centrale per la grafica e l’Academia Belgica presentano una mostra di disegni e stampe provenienti dalle collezioni pubbliche e private delle maggiori istituzioni culturali del Belgio. La mostra è posta sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica e di Sua Maestà il Re dei Belgi.

L’esposizione illustra attraverso materiali grafici la multiforme varietà scenografica del Barocco fiammingo nei secoli XVII e XVIII, alla luce del Barocco romano, cuore e motore della cultura artistica dell’Europa di quei secoli. Nel Museo dell’Istituto centrale per la grafica saranno esposte oltre 100 opere, tra cui fogli di Giovan Lorenzo Bernini, Alessandro Algardi, Pieter Verbruggen, Philipp Schor, Pieter De Jode, e incisioni da invenzioni di Pieter Paul Rubens, Andrea Pozzo, Domenico Fontana, provenienti dalla Biblioteca Reale del Belgio e dal Musée de la Ville di Bruxelles, dal Museum Plantin-Moretus di Anversa e dal Musée des Beaux‐Arts di Liegi; da archivi ecclesiastici belgi; dalla Bibliotheca Hertziana di Roma, e una selezione di disegni, stampe, matrici appartenenti alle collezioni dell’Istituto centrale per la grafica.

La mostra invita il visitatore a scoprire la ricchezza dell’architettura e della scultura fiamminga attraverso opere grafiche che rivelano l’influenza decisiva della Roma barocca come fonte di ispirazione per gli artisti fiamminghi.

Le sezioni tematiche sono dedicate alle scenografie barocche di chiese, con altari, confessionali, pulpiti; al soggiorno romano degli scultori fiamminghi e alle opere di figura; alle celebrazioni religiose e civili e alle feste, con cavalcate, parate, sfilate di carrozze, e alla celebrazione della Morte con catafalchi e monumenti funebri.

Il catalogo, con numerosi saggi di studiosi del Barocco internazionale e le schede delle opere esposte, è edito da De Luca Editori d’Arte.

L’iniziativa fa parte di un più ampio progetto triennale (2015 – 2017) dal titolo I fiamminghi e l’Italia, finanziato dal Fonds Baillet Latour di Lovanio, teso a sottolineare l’importanza storica del contributo del Belgio allo sviluppo della cultura italiana, e viceversa, con lo scopo di promuovere la ricerca scientifica e le relazioni tra l’Italia e il Belgio.

La collaborazione istituzionale tra l’Istituto centrale per la grafica e l’Academia Belgica, centrata sulla formazione, la divulgazione, la museologia della grafica, è nata nell’estate del 2015 in occasione delle iniziative didattiche a cura del servizio educativo nell’ambito della Summer School con lezioni e visite guidate alle collezioni dell’Istituto sul tema Il mercato delle Stampe in Italia e il contributo “fiammingo” XVI – XVII secolo.

Durante il periodo della mostra sono previste attività divulgative e didattiche, seminari e conferenze sul Barocco romano e fiammingo.

SEDE: Museo dell’Istituto centrale per la grafica – Roma, via della Stamperia 6.

GIORNI ED ORARIO DI APERTURA: la mostra resterà aperta dall’8 dicembre 2016 al 26 febbraio 2017. Da lunedì a sabato dalle ore 10 alle 19 (ultimo ingresso ore 18.30). L’ingresso è libero.
Non è possibile accedere all’Istituto con bagagli, zaini e borse di grandi dimensioni. Non sono disponibili armadietti o guardaroba.

Alla luce di Roma

32 HENDRIK FRANS VERBRUGGHEN – (Anversa 1654 – Anversa 1724)
Progetto per l’altare e la decorazione della Chiesa dei Gesuiti a Utrecht

Alla luce di Roma

63 ANONIMO, precedentemente attribuito a Jan Van Der Heijden (Bruxelles 1720 ca. )
Progetto per un arco di trionfo per il Giubileo del Santissimo Sacramento a Bruxelles nel 1720

Alla luce di Roma

85 GIACOMO LIPPI DA BUDRIO (Budrio 1577 Bologna 1640) e OLIVIERO GATTI (Piacenza 1579 ca. – (?))
Catafalco per le esequie di Gregorio XV 1624

Alla luce di Roma

86 PIETER II VERBRUGGEN (Anversa 1648 – Anversa 1691)
Progetto per un catafalco

Alla luce di Roma

100. HENDRIK FRANS VERBRUGGEN (Anversa 1654 – Anversa 1724)
Progetto per il monumento funerario di Gerardus Knyff, 44° Abate dell’Abbazia San Michele di Anversa

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.