BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bergamo, da domenica in centro sosta a pagamento anche nei festivi

A partire da domenica 15 gennaio in centro città la sosta si paga anche nei giorni festivi: orari, modalità e tariffe sono identiche a quelle dei giorni feriali.

A partire da domenica 15 gennaio la sosta nelle strisce blu del centro sarà a pagamento anche nei giorni festivi: il Comune di Bergamo e la Polizia Locale lo ricordano ai cittadini, specificando come tariffe, durata di permanenza e orari saranno identici a quelli del resto della settimana.

Ad essere interessate dal provvedimento sono interessate tutte le vie inserite nella cosiddetta “Zona rossa”, quella con la tariffa oraria più alta, pari a due euro: dalle 9 alle 19 dei giorni festivi, quindi, si pagherà in piazza Matteotti, via Tiraboschi, via Paglia, via D’Alzano, via Ghislanzoni, via Scotti, via Quarenghi, via Bonomelli, via San Bernardino nel tratto compreso tra Largo 5 Vie e via Previtali, via Moroni tra Largo 5 vie e via Previtali, via Galliccioli, via Taramelli, via Pascoli, via Camozzi, via Mario Bianco, via Tasso, via Clara Maffei, via Stoppani, via Casalino, via Martiri di Cefalonia, via Madonna della Neve, Largo Belotti, via Brigata Lupi, via Garibaldi tra la rotonda dei Mille e via Sant’Alessandro, Rotonda dei Mille, viale Papa Giovanni, via don Luigi Palazzolo, via Fratelli Calvi, via Locatelli, via Matris Domini, via Albini, via Masone, via Monte Ortigara, via Bono, via Foro Boario, via Pinamonte da Brembate, via Malj Tabajani e via Divisione Tridentina.

Complessivamente si tratta di circa 800 posti auto – dei 2.000 a pagamento – sui 40.000 disponibili in città sui quali l’amministrazione aveva deliberato un aumento del costo orario di 0,20 centesimi all’ora nel mese di novembre (a Milano contemporaneamente nella zona a tariffa più alta si deliberava un aumento di 1 euro all’ora ndr): per l’entrata in vigore del pagamento nei giorni festivi, invece, si era scelto di rimandare il tutto dopo le festività natalizie, anche per non penalizzare troppo il commercio in mesi sempre importanti per i bilanci.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.