BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Real Bodies, la mostra sull’anatomia umana non chiude: prorogata al 19 marzo fotogallery

Prorogata a grande richiesta al 19 marzo 2017 la mostra internazionale “Real Bodies, scopri il corpo umano” allestita alla sede espositiva di via Privata Giovanni Ventura 15 a Lambrate. È arrivata in questi giorni la risposta affermativa da parte della produzione americana dell’evento culturale alla richiesta di prorogare di 49 giorni la più imponente mostra anatomica mai realizzata con 340 fra corpi ed organi plastinati in esposizione.

“La scelta di prolungare l’apertura dell’Expo di anatomia umana” conferma Mauro Rigoni, titolare di Venice Exhibition, società allestitrice della mostra “è stata motivata dai numeri oltre ogni aspettativa registrati nei tre mesi dell’edizione di Milano, cifre che sono andate oltre i 150.000 ingressi dall’1 di ottobre, con un picco positivo nel periodo natalizio di più di 30.000 visitatori provenienti da tutte le regioni nel raggio di 300 chilometri”.

“La proroga è stata quasi obbligatoria, potremmo dire a furor di popolo” commenta ancora Rigoni, “anche per non escludere ben 320 classi scolastiche che non avevano potuto prenotare la visita perché non c’erano più orari e date disponibili. Una richiesta arrivata da molti istituti scolastici, i cui docenti e presidi si sono recati personalmente in mostra durante le festività per chiedere informazioni. Ma anche per accontentare le molte e-mail di comitive, tra cui molti gruppi sportivi, ospedalieri, associazioni da tutto il nord Italia, delusi dalla chiusura a fine gennaio. Una pioggia di richieste da parte di visitatori che avevano creato negli ultimi giorni dell’Epifania una vera e propria caccia agli ultimi biglietti rimasti che ora abbiamo reso inutile”.

Un’edizione carica di entusiasmo del pubblico, con un indice di gradimento del 98%, ma anche attraversata dalle polemiche: per gli oltre 150 svenimenti di visitatori, per i quali sono è stato richiesto 6 volte l’intervento dell’ambulanza, ma anche per un manifesto affisso con l’immagine di un tumore censurato dal garante per la pubblicità, per il ricovero d’urgenza di un corpo plastinato in day hospital all’ospedale ortopedico Galeazzi e l’atto vandalico di una mamma che di recente ha danneggiato col passeggino un’opera d’arte ispirata al Vitruviano di Leonardo Da Vinci esposta all’ingresso della mostra. “Siamo soddisfatti soprattutto per l’apprezzamento ricevuto dalle attività economiche e commerciali di Lambrate” aggiunge Rigoni “che hanno reagito con gioia alla notizia della proroga per l’indotto creato da Real Bodies. Ci hanno confermato che la mostra sta contribuendo a rivalutare tutto la zona della Città, a tal punto che addirittura commercianti e imprenditori locali erano disposti a contribuire economicamente con iniziative promozionali di tasca propria per essere sicuri si verificasse la proroga”.

Ospiti illustri e Vip hanno visitato “Real Bodies, scopri il corpo umano” durante le festività. Fra questi anche il noto giornalista conduttore Fabio Fazio che ha voluto esprimere personale apprezzamento all’allestimento dopo la visita in forma privata, accompagnando il figlio, avvenuta nel pomeriggio di sabato 7 gennaio. “Ci ha colpito per la sua umiltà nonostante la popolarità” ricorda Rigoni “si è messo in fila con i visitatori che aspettavano il turno per acquistare il biglietto senza chiedere vantaggi, né sconti”.

“Real Bodies con questa proroga di quasi 8 settimane” conclude Rigoni “avrà la possibilità di essere ricordata come una delle mostre temporanee più visitate in Italia. L’obiettivo a fine di marzo è infatti di superare la cifra record di 300.000 visitatori in meno di 6 mesi. Un risultato che proietterebbe la mostra internazionale dopo l’edizione di Milano verso una successiva tappa prestigiosa la cui sede stiamo individuando probabilmente in Francia”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.