BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Formazione dei docenti, per 550 neoassunti in Bergamasca suona la campanella

Venerdì 13 gennaio, ore 14.30-17.30, all’auditorium del Seminario Vescovile in Bergamo Alta, via Arena 11, il personale docente ed educativo neoassunto, con i propri tutor, partecipa al primo incontro, finalizzato ad illustrare le modalità generali del percorso di formazione, il profilo professionale atteso del docente, le principali innovazioni in atto nella scuola.

Sono al via le attività di formazione per i circa cinquecentocinquanta docenti neoassunti a tempo indeterminato nelle scuole bergamasche.

Venerdì 13 gennaio, dalle 14.30 alle 17.30, all’auditorium del Seminario Vescovile in Bergamo Alta, via Arena 11, il personale docente ed educativo neoassunto, con i propri tutor, partecipa al primo incontro, finalizzato ad illustrare le modalità generali del percorso di formazione, il profilo professionale atteso del docente, le principali innovazioni in atto nella scuola. Relatori saranno Remo Morzenti Pellegrini, Rettore dell’Università degli Studi di Bergamo, e Patrizia Graziani, Dirigente dell’Ufficio Scolastico Territoriale di Bergamo.

Il secondo incontro conclusivo di restituzione e valutazione, sempre di tre ore, si terrà non appena concluse tutte le attività laboratoriali.

“L’anno di formazione del personale docente ed educativo neoassunto in ruolo costituisce un obbligo contrattuale, ma rappresenta anche un’opportunità per la scuola statale sede di servizio del docente – spiega Patrizia Graziani, dirigente dell’Ufficio Scolastico Territoriale di Bergamo – Questo primo incontro rappresenta un’importante occasione di riflessione, ad arricchimento dell’impegno didattico quotidiano di tanti insegnanti, in situazioni anche complesse e di cambiamento”.

Il piano di formazione, tra attività on-line e in presenza, prevede un impegno complessivo pari ad almeno 50 ore, aggiuntive rispetto agli ordinari impegni di servizio.
Gli incontri laboratoriali progettati e proposti a livello territoriale (12 ore) spaziano su varie tematiche riguardanti l’attività didattica e sono in linea con i bisogni formativi di ciascun docente.

Ogni docente dovrà seguire almeno un incontro di tre ore dedicato ai bisogni educativi speciali e alla disabilità e altre nove ore, suddivise in tre incontri di tre ore ciascuno, su tematiche a scelta tra le diverse proposte: gestione della classe e problematiche relazionali; valutazione didattica e di sistema (autovalutazione e miglioramento); nuove risorse digitali e impatto sulla didattica; orientamento e contrasto alla dispersione scolastica; inclusione sociale e dinamiche interculturali; alternanza scuola-lavoro; buone pratiche di didattiche disciplinari.

Per ciascun laboratorio i docenti neoassunti elaborano e producono documentazione, validata dal coordinatore del laboratorio, per l’inserimento nel portfolio professionale disponibile sull’apposita piattaforma Indire.

Le attività peer to peer (almeno 12 ore) di osservazione reciproca verranno svolte nella scuola sede di servizio, in collaborazione con il docente tutor. Tali attività devono comprendere la progettazione preventiva, il confronto e la rielaborazione dell’esperienza. Le attività non si devono quindi limitare all’osservazione del lavoro d’aula, ma comprenderanno la sperimentazione e la validazione di risorse didattiche e/o di attività progettuali, disegnando un quadro complessivo dei vari aspetti professionali.

La formazione on line (20 ore) viene erogata dalla piattaforma Indire – http://neoassunti.indire.it/2017/ – e prevede: analisi e riflessioni sul percorso formativo; elaborazione di un portfolio professionale che documenti progettazione, realizzazione e valutazione delle attività; compilazione dei questionari di monitoraggio; ricerca di materiali, risorse didattiche, siti dedicati.
Per le informazioni di dettaglio e gli aggiornamenti, è possibile consultare il sito dell’Ufficio Scolastico: www.istruzione.lombardia.gov.it/bergamo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.