BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ortofrutta

Informazione Pubblicitaria

Saporite e depurative, è il momento delle cime di rapa: le orecchiette sono un must

Sono le cime di rapa il prodotto della settimana al mercato ortofrutticolo di Bergamo: impossibile non gustarle nel piatto tradizionale pugliese, magistralmente interpretato dalle nostre Amichesciroppate.

Sono le cime di rapa il prodotto della settimana al mercato ortofrutticolo. Disponibili in abbondanti quantitativi e per la propria spesa dal fruttivendolo o dall’ambulante di fiducia si possono trovare a un buon rapporto tra qualità e prezzo.

Ortaggio di stagione, annoverano diverse virtù per la salute e il benessere dell’organismo. Ricche di minerali, in modo particolare calcio, fosforo e ferro, non mancano di vitamine, soprattutto A, B2 e C. Grazie alla loro composizione svolgono preziose funzioni disintossicanti, aiutando il corpo a depurarsi dai metalli e dalle tossine. Inoltre, sono ottime per chi è convalescente, di costituzione debole o per chi sta affrontando periodi di stress.

Ma non è tutto: vantano preziose proprietà antiossidanti e vengono considerati utili per le donne in gravidanza perché contengono acido folico, che aiuta nella prevenzione di alcune malformazioni congenite. Sono alleate, poi, contro l’anemia, proteggono e rinforzano le ossa.

Secondo alcune ricerche, infine, contribuirebbero a prevenire la formazione di tumori al seno, stomaco, prostata, esofago, pancreas e colon. Inoltre, concorrerebbero a tenere sotto controllo la pressione, il colesterolo e il diabete, ma anche a proteggere l’apparato cardiocircolatorio e a migliorare la circolazione sanguigna.

Ipocaloriche ed estremamente versatili, in cucina sono un ottimo condimento e contorno per accompagnare primi piatti, come le classiche orecchiette, piatto tipico pugliese, oppure possono essere adoperate per preparare il ripieno per torte salate. Un consiglio: quando si acquistano, bisogna scegliere quelle ben compatte, con steli sodi e sottili, infiorescenze chiuse e senza parti gialle. Sono perfette quando le foglie sono consistenti e di colore verde brillante.

Per pulire le cime di rapa bisogna eliminare prima di tutto i gambi duri e le foglie più spesse e grandi, poi selezionare le cimette e le foglie, lasciando solo quelle tenere, metterle in uno scolapasta, posizionarlo sotto l’acqua fredda corrente, sciacquandole e pulendole bene con le mani in modo da eliminare eventuali residui di terra. Come tutti i prodotti, sono molto più saporite quando sono fresche. È possibile, comunque, conservarle in frigorifero per circa una settimana, l’importante è non lavarle prima e tenerle chiuse in un sacchetto di plastica con dei fori.

Dando uno sguardo più in generale al mercato ortofrutticolo, si nota che la prima settimana dell’anno, come consuetudine, non regala entusiasmo negli scambi commerciali, dopo la grande “abbuffata” per il pranzo e/o la cena di Natale e il cenone di Capodanno. Molte famiglie sono in vacanza lontano da casa e chi è rimasto cerca di consumare i rifornimenti, forse eccessivi, effettuati prima delle festività. Da settimana prossima, con la riapertura delle scuole, ci si aspetta un riequilibrio della la situazione commerciale.

La stagione vede protagonisti gli agrumi e tra le arance la varietà che primeggia su tutte per qualità e quantità di prodotto disponibile è sicuramente il “Tarocco” siciliano. Le peculiarità che caratterizzano questa varietà sono: colore brillante dei frutti, una buccia liscia e fine e una polpa succosa e fragrante con quella tipica sfumatura rossastra garantita dall’escursione termica tra il giorno e la notte che il frutto subisce quando ancora è in pianta. Il valore di mercato medio è in linea con quello riscontrato la scorsa stagione.

Intanto, sono ancora decisamente favorevoli i consumi dei mandaranci e migliora costantemente il rapporto tra qualità e prezzo dei mandarini siciliani, anche se pare sempre più evidente che le richieste di questi ultimi aumentino solo di fronte a un evidente calo di disponibilità delle clementine.

Sono stabili i valori di mercato per kiwi, mele e pere, eccezion fatta solo per quest’ultima specie dove per la varietà Decana vi è disponibilità anche di prodotto olandese, le altre referenze hanno esclusivamente origine italiana.

Passando al reparto verdura, il calo delle temperature in alcuni casi e il maltempo dei luoghi di produzione in altri, per questa settimana incidono negativamente sulla qualità e sui prezzi di alcuni prodotto orticoli. Si registra un repentino cambio di passo per le quotazioni di finocchi, cavoli broccoli, peperoni e prezzemolo, mentre risultano complessivamente in lieve contrazione i prezzi di melanzane e zucchine, che erano già aumentate nelle scorse settimane.

Per concludere, sono stabili le quotazioni di carote, patate, cipolle, carciofi, porri e radicchi.

È soprattutto in questi momenti che l’aiuto del proprio fruttivendolo di fiducia può permettere una spesa attenta al risparmio e al rispetto della stagionalità dei prodotti.

La ricetta della settimana a cura delle nostre Amichesciroppate

Orecchiette alle cime di rapa

cime di rapa

Primo piatto pugliese, in particolare della provincia di Bari, conquista tutta l’italia da nord a sud, d’altro canto come non cedere a tanta bontà.

Ingredienti per 2 persone

250 gr. di orecchiette
1 mazzo di cime di rapa fresche
1 spicchio di aglio
2 peperoncini
6 filetti di acciughe sotto olio olio
d’oliva q.b.
Parmigiano q.b.

Su il cappello

Pulite le cime di rapa tenendo le foglie più tenere.

In una casseruola, abbastanza grande da poter contenere anche la pasta, scaldate un filo d’olio con l’aglio e il peperoncino e i filetti di acciuga.

Buttate nella casseruola le cime di rapa e portatele a cottura, se necessario aggiungete un mestolo d’acqua.

cime di rapa

Cuocete le orecchiette in abbondante acqua salata, scolatele e trasferitele nella casseruola sotto la quale avrete riacceso il fuoco.

Amalgamate le cime di rapa alla pasta, una generosa spolverata di parmigiano e anche oggi la cena è servita.

Le cose semplici sono le più buone e questa ricetta, 100% pugliese, soddisfa appieno le aspettative di un piatto semplice e veloce, ma dal gran gusto.

Primo piatto pugliese, in particolare della provincia di Bari, conquista tutta l’italia da nord a sud, d’altro canto come non cedere a tanta bontà.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.