BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Da Gagliardini a Kessie, da Caldara a Gomez: l’Atalanta è un tesoro da 100 milioni

Col mercato gonfiato dalle incredibili offerte cinesi e dagli assegni staccati dai club di Premier League abbiamo fatto i conti in tasca ai Percassi: i gioielli nerazzurri oggi vengono quotati dal mercato come poche altre volte è successo nella storia del club

Si staranno fregando le mani i Percassi, oggi come non mai: il giocattolo Atalanta è un tesoro che vale più di 100 milioni di euro. Colpa – se così si può dire – di un mercato che, in tempo di cinesi e magnati, sta gonfiando a dismisura il valore dei cartellini dei giocatori europei, ancor di più quelli giovani con un importante futuro davanti.

Il lavoro, estremamente difficile e coraggioso, di mister Gian Piero Gasperini potrebbe fruttare una pioggia di soldi nelle casse della proprietà nerazzurra, che mai come in queste ultime settimane si trova tra le mani una rosa così ricca di gioielli e di pezzi pregiati.

Probabilmente, per trovare un’Atalanta così appetibile sul mercato, bisogna tornare indietro di 15 anni, non a caso ai tempi della Dea frizzante ed entusiasmante targata Vavassori.

Per ora le casse nerazzurre hanno già iniziato a gonfiarsi con Mattia Caldara che è già promesso sposo della Juventus per una cifra che, contando anche i bonus, tra la prossima estate o – alla peggio – in quella del 2018 supererà perfino i 20 milioni di euro.

Mattia Caldara

Anche Roberto Gagliardini (appena firmerà con l’Inter) porterà ai bilanci atalantini una plusvalenza da record: 25 milioni di euro sicuri più 3 milioni legati a una serie di bonus facilmente raggiungibili.

E siamo quasi a 50 milioni di euro incassati grazie a due giovani prodotti dal vivaio che la serie A la stanno iniziando a masticare da pochissimo, nemmeno da sei mesi. Incredibile.

Che dire, poi, di Franck Kessie? L’ivoriano porterà un’altra vagonata di milioni che solo un anno fa era impossibile immaginare. Quanti ancora nessuno lo sa, quel che pare certo, però, è che la prossima estate si scatenerà un’asta vera e propria che coinvolgerà soprattutto i club di Premier League, quelli che non si fanno grossi problemi ad alzare le offerte, basti pensare ai 14 milioni pagati a luglio dal Middlesbrough (una neopromossa) per strappare de Roon all’Atalanta.

Kessie

Occhio poi ad altri pezzi pregiati che, qualora venduti, rappresenteranno nuove, enormi plusvalenze: Marco Sportiello e Andrea Conti sono cresciuti ancora nel vivaio di Zingonia e sono costati zero, mentre il Papu Gomez venne pagato due anni e mezzo fa 5 milioni ma oggi ne vale almeno il triplo. Ci sono poi Andrea Petagna e Remo Freuler, arrivati per una manciata di migliaia di euro, che un probabile offerente dovrebbe pagare come minimo 5-6 milioni l’uno, senza dimenticare un certo Jasmin Kurtic che, rigenerato dalla cura-Gasperini, ora vale molto più dei 3 milioni che Sartori spese nell’estate del 2015 per portarlo sotto le Mura venete.

Papu Gomez

Ma mentre i Percassi si fregano le mani, i tifosi sognano. Sognano prima di tutto di vedere ancora per un po’ di tempo quest’Atalanta tanto bella e divertente creata da Gasperini, con i suoi gioielli; e poi, perché no, di veder reinvestiti i grossissimi guadagni che porterà questa rosa per un futuro tra le big d’Italia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.