BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Coprifuoco ad Oltre il Colle, a mezzanotte locali chiusi: la protesta di un pub

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di protesta di Veronica Tiraboschi, titolare del pub Aurora di Oltre il Colle. Dopo una rissa il sindaco ha deciso di far chiudere tutti gli esercizi commerciali alla mezzanotte, provocando - in questo periodo turistico - un enorme danno economico ai locali.

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di protesta di Veronica Tiraboschi, titolare del pub Aurora di Oltre il Colle. Dopo una rissa il sindaco ha deciso di far chiudere tutti gli esercizi commerciali alla mezzanotte, provocando – in questo periodo turistico – un grave danno economico ai locali. 

Egregio Signor Sindaco Senatore Valerio Carrara,
in veste di umile cittadina del paese, da Lei rappresentato, Le chiedo pubblicamente che obiettivo abbia perseguito nell’emanare un’ordinanza restrittiva degli orari di apertura dei locali pubblici presenti sul territorio comunale se non quello di ottenere il mal contento dell’intero paese, per non dire dell’intera vallata.

Mi riferisco all’ordinanza emanata il 21 dicembre, notificata a tutti gli esercenti il giorno successivo, efficace da subito, che prevede l’obbligo di chiusura dei locali a mezzanotte e con possibilità di proroga di una sola ora (!) nel periodo natalizio.

Gestisco il Pub Aurora da quasi due anni e mezzo, come ben Lei sa non sono mai state rose e fiori.

Sappiamo entrambi che quando si offre un servizio alla comunità non tutti sono d’accordo.

Insieme, però, abbiamo valutato l’orario continuato per limitare l’eventuale disturbo alla quiete pubblica e per salvaguardarel’ordine pubblico; insieme, dopo alcune lamentele, abbiamo deciso di riportare l’orario di chiusura alle tre, per contemperare le varie esigenze; poi però, senza un minimo di confronto e di scambio di opinioni, è stata emessa l’ordinanza del 21 dicembre!

Sono certo consapevole che alcuni giorni prima, lungo la strada prospicente il locale da me gestito, sia avvenuta una rissa con conseguente intervento delle forze dell’ordine, ma sono anche consapevole che è stato accertata l’estraneità ai fatti del locale Pub Aurora.

Allora perché punire il mio locale?

Sappiamo che in queste situazioni si è portati a puntare il dito contro il primo cittadino, tenuto tra l’altro a garantire e mantenere l’ordine pubblico.

Con questa mia lettera non metto in dubbio che un segnale ai giovani dovesse essere trasmesso: i giovani devono essere responsabilizzati e rendersi conto che ogni loro azione ha determinate conseguenze.

Ciò che io contesto è la tempistica e la modalità con cui è stata emanata l’ordinanza.
Mi chiedo, come credo la maggior parte dei cittadini, se fosse davvero indispensabile un’azione così restrittiva e senza un doveroso preavviso, che non ha minimamente tenuto conto del lavoro di ogni singolo gestore.

Lavoro che per le feste natalizie si basa su un programma con impegni economici e la mia parola da onesta cittadina.

Lavoro che mi permette di pagare un mutuo e di crescere una figlia.

Per questi motivi, il giorno stesso in cui ho ricevuto l’ordinanza, su mia richiesta, il mio legale ha trasmesso una lettera di contestazione con cui evidenziava il grave danno arrecatomi ed in cui si chiedeva una rettifica dell’ordinanza stessa. Lettera a cui non ha nemmeno dato risposta!

Dal 23 dicembre non ho più aperto il pub Aurora, non perché sia impazzita o perché le mie condizioni economiche mi permettano di tener chiuso, ma semplicemente perché il bacino d’utenza di Oltre il Colle non mi consente di sopravvivere rispettando gli orari imposti dall’ordinanza e visto la limitazione di orario è impossibile organizzare eventi musicali, con i relativi costi da sopportare (in primis Siae).

Da quella data, da povera sciocca ho atteso un Suo cenno, quanto meno per un confronto costruttivo, visto il riscontro negativo che la mia chiusura ha portato fra i giovani e non più giovani e che pensavo, ancora da sciocca, potesse avvertire anche Lei all’interno del paese.

Ma ciò non è avvenuto!

Martedì 27 mi sono recata in Comune per protocollare una lettera di richiesta di proroga di orario di chiusura per le tre, per un’eventuale riapertura del locale in questione, con la mia totale disponibilità ad eliminare gli eventi se il problema fossero state le lamentele per il rumore, consapevole che organizzare gli eventi èun mio diritto ma stabilirne i termini spetta a Lei.

Non mi aspettavo mi fosse concessa una proroga fino alle ore tre ma speravo che si arrivasse ad un punto d’incontro; di certo non mi sarei mai immaginata di ricevere una risposta che oltre al danno sembra davvero una beffa.

Molto formalmente, oltre ad una mera conferma dell’ordinanza, mi è stato comunicato che avrei sempre potuto richiedere una nuova proroga, questa volta limitando l’orario all’una!

Alla faccia dei principi di buon andamento e di non aggravamento del procedimento che dovrebbero improntare l’operato della pubblica amministrazione…

Ho perso le speranze, ho finalmente capito che all’amministrazione di Oltre il Colle manca il buon senso di un padre di famiglia che non imponga decisioni ma sia portato alla mediazione, che si tuteli e tuteli la comunità, che ascolti le proteste dei cittadini e non le liquidi con la frase:” ci perdi solo tu!”

Io sì, ho perso, in termini economici, morali e di salute, mia e della mia famiglia, a causa di un’ordinanza che senza il minimo scrupolo non ha mai tenuto in considerazione le esigenze dei gestori, per non dire le esigenze degli avventori del locale, che hanno, a loro volta, perso l’unico punto di svago della zona.

Alcuni amici e avventori, che ringrazio anche in questa sede, nel frattempo hanno creato un gruppo di sostegno sui social network e fra qualche giorno presenteranno una petizione con raccolta firme per chiedere che venga annullata questa ordinanza a mio parere distruttiva per il Paese; spero che riescano nel loro intento perché han dimostrato di credere nella comunità e nelle valli.

A me non resta che pensare a come risollevarmi da tutto questo.

Concludo ringraziando tutti quelli che in qualche modo mi hanno dato la forza ed il supporto in questi giorni pieni di delusione e paura per il futuro.
Non posso concludere questa mia lettera con altri ringraziamenti e non mi aspetto nemmeno delle scuse, mi avete tolto la dignità: le scuse non servono più!!!

Veronica Tiraboschi

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.