BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Triciclo compie 20 anni e si rinnova, nel segno della solidarietà

Tante novità in arrivo, sia dal punto di vista estetico che funzionale, tra cui nuovi spazi di vendita e zone riservate ad attività creative.

Più informazioni su

Nel 2017 il Laboratorio Triciclo della Cooperativa Ruah festeggia ben 20 anni di attività, anni in cui non solo ha permesso a persone con difficoltà di accesso al mercato del lavoro, di trovare un’occupazione, ma ha dato vita a un vero e proprio spazio di economia e solidarietà, promuovendo la cultura dell’usato. Da 20 anni il Triciclo ha inoltre contribuito a ridurre la quantità di rifiuti sul nostro territorio e ha dato la possibilità ai cittadini con basso reddito di vestirsi in modo adeguato e arredare la loro casa in modo funzionale senza spendere troppo.

In questo lungo periodo sono passati dal Triciclo circa 280 mila clienti e sono stati effettuati oltre 21 mila ritiri di mobili e oggetti nelle case dei bergamaschi.

“Per festeggiare i suoi ‘primi’ vent’anni – spiega Flavio Todaro della Cooperativa Ruah – e per continuare a guardare al futuro, il Triciclo per il 2017 ha progettato un ‘cammino’ di miglioramento estetico e funzionale che permetterà, da un lato, di valorizzare meglio la merce esposta e aumentarne la quantità, dall’altro di creare spazi destinati ad attività creative e di laboratorio. Vorremmo inoltre sperimentare nuove modalità di lavoro soprattutto, ma non solo, a carattere sociale”.

Il negozio di via San Bernardino resterà chiuso dal 30 dicembre al 9 gennaio. Alla sua riapertura, il 10 gennaio, i clienti troveranno uno spazio organizzato in modo diverso da quello a cui sono abituati: la vendita degli oggetti per la casa sarà collocata più vicino all’ingresso per una migliore accessibilità e visibilità, mentre l’esposizione dell’arredamento sarà riorganizzata con un beneficio sia funzionale che estetico, per permettere la creazione di nuove aree di lavoro e di servizio. Più tardi nel corso dell’anno verrà spostata e ampliata la zona di vendita dell’abbigliamento, dove prosegue l’assortimento di intimo donna/uomo/bambino e pigiami con cui già da qualche settimana il Triciclo ha arricchito la sua esposizione.

“Ci scusiamo per i disagi che si potranno riscontrare in questa fase, che proseguirà per buona parte del mese di gennaio – prosegue Todaro -. Invitiamo i cittadini a venire a trovarci per fare i loro acquisti e condividere con noi osservazioni e suggerimenti che ci aiuteranno a definire i dettagli della ‘sistemazione’ definitiva del negozio, che speriamo di completare entro l’estate”.

[foto id=561496)

Il Triciclo nasce nel 1996, quando Giulio Baroni, responsabile della Comunità Immigrati Ruah, percepisce come limite alla prima accoglienza e all’integrazione dei migranti nel territorio, la mancanza di un lavoro. Non bastava infatti offrire loro un alloggio: c’era bisogno di insegnare loro un lavoro per guadagnare dei soldi e procedere in questo modo verso l’autonomia. Nei primi mesi del 1997 un obiettore di coscienza ed un operatore senegalese iniziano a raccogliere qualche vecchio mobile di cui qualcuno vuole liberarsi e lo mettono in un piccolo garage, senza quindi gettarlo in discarica. Per un paio di mesi l’attività viene portata avanti in maniera sporadica.

A maggio 1997 viene costituita l’Associazione Comunità Immigrati Ruah Onlus con lo scopo di assumere full-time un operatore che organizzi il possibile ampliamento dell’attività. Viene acquistato un furgone e si inizia in modo sistematico la raccolta di mobili, elettrodomestici, vestiti e tutto ciò che viene scartato dalla gente. Poco alla volta la cittadinanza inizia a conoscere l’attività e la richiesta di ritiri aumenta sensibilmente. Si continua a lavorare per aprire nuovi spazi di economie di solidarietà, aprendo un piccolo negozio in cui si vendono solo abiti usati e vintage per ampliare la possibilità di nuovi posti di lavoro e promuovere la cultura dell’usato.

Tre i reparti del mercatino: arredamento, abbigliamento e cose di casa. Ad oggi nell’aerea lavorano regolarmente assunte 25 persone: 10 italiani e 14 migranti.

Oltre alla vendita dell’usato, diversi i servizi offerti dal Laboratorio Triciclo: ritiri e sgomberi di locali, case, uffici, recupero materiali, smaltimento rifiuti, servizio Ri.Ca.Ri.ca, servizio Cambia Stagione.

Maggiori informazioni: www.laboratoriotriciclo.it.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.