BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Festival Pianistico

Informazione Pubblicitaria

Teatro Donizetti, si alza il sipario sulla 54ª edizione del Festival Pianistico fotogallery

Un grande momento di spettacolo all'interno del Teatro Donizetti con le performances di pianisti, direttori e orchestre di fama mondiale, ma anche uno strumento che vuole promuovere la cultura musicale sul territorio bergamasco

È stato presentato nella mattinata di mercoledì 21 dicembre il programma preliminare della 54ª edizione del Festival Pianistico Internazionale di Brescia e Bergamo, il cui svolgimento avverrà tra il 28 aprile e il 6 giugno 2017. Il festival non è solo un grande momento di spettacolo che si svolge all’interno del Teatro Donizetti con le performances di pianisti, direttori e orchestre di fama mondiale, ma è anche strumento che vuole promuovere la cultura musicale sul territorio bergamasco.

Festival Pianistico Internazionale

Il titolo di quest’anno, suggerito dal critico Piero Rattalino, è “Beethoven e Napoleone. La musica, tra ideali e potere” e associa due protagonisti assoluti della storia, pur molto diversi tra loro. Una scelta non casuale e intende inquadrare il genio di Bonn nella temperie storico-culturale, dalla rivoluzione francese al congresso di Vienna, nella quale si trovò a vivere, che lo influenzò e con la quale interagì.

“Il Festival ti conquista” è, invece, lo slogan che compare sulla locandina, che rappresenta un pianoforte pronto sul palcoscenico e immerso nella penombra di un teatro, con appoggiati la spada e il cappello di Napoleone e intende sintetizzare non solo il magnetismo e la forza delle due personalità suggerite nel tema, ma anche il rapporto complesso tra musica e potere politico.

Il programma della 54^ edizione è particolarmente ricco, sia per la qualità artistica che per il numero degli appuntamenti previsti. Nel cartellone principale 23 sono i concerti distribuiti nei teatri Grande di Brescia e Donizetti di Bergamo; 8 quelli organizzati in collaborazione con il Conservatorio di Bergamo per l’esecuzione delle 32 Sonate di Beethoven. Eccezionale poi il peso artistico della serata inaugurale. Nella prima parte uno dei più grandi violinisti al mondo, Salvatore Accardo, eseguirà il Concerto Triplo di Beethoven, affiancato da partner prestigiosi quali Ian Fountain al pianoforte e David Geringas al violoncello. Nella seconda parte, invece, salirà sul palcoscenico un talento assoluto delle nuove generazioni, il quindicenne pianista moscovita Alexander Malofeev.

Non solo grandi solisti perché il programma del prossimo Festival è ricco anche di serate sinfoniche, come quelle affidate alla Filarmonica di San Pietroburgo, una delle migliori orchestre al mondo, e a due compagini extraeuropee per la prima volta ospiti del Festival: la cinese Orchestra di Guangzhou e la messicana Orchestra di Guanajuato.

Anche quest’anno il Festival si ripropone di dare spazio anche ai giovani pianisti, che malgrado la loro età hanno già intrapreso carriere internazionali di rilievo. Oltre al già citato Malofeev, altri nomi da seguire con attenzione sono quelli del coreano Seong-Jin Cho, classe 1994, della cinese Serena Wang nata nel 2004, del ventiquattrenne russo Dmitry Shishkin e del 21enne Filippo Gorini, uno dei musicisti più brillanti diplomatisi all’Istituto Musicale Donizetti di Bergamo.

Dopo il successo di pubblico della passata stagione, il Festival ripropone l’iniziativa dal titolo “Festival e dintorni” per esportare la musica classica anche al di fuori della Città.  Si inizia in data da definirsi al Cineteatro Gianandrea Gavazzeni di Seriate, con un recital di Leonardo Colafelice, per proseguire il 7 maggio all’Auditorium Modernissimo di Nembro, dove gli appassionati potranno ascoltare la pianista Jin Ju. In chiusura, il 18 maggio, al Cineteatro Agorà di Mozzo, si esibirà Leonora Armellini.

Per maggiori informazioni o prenotazioni è possibile visitare il sito festivalpianistico.it oppure chiamare direttamente la biglietteria del Teatro Donizetti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.