BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Emittitrici sui bus, Palafrizzoni dimezza il rincaro sui biglietti dell’area urbana

L'assessore Stefano Zenoni: "Ci siamo battuti perché la maggiorazione da 1,30 a 2, ovvero 70 centesimi, prevista dalla giunta precedente, scenda 20 centesimi così si passa da 1,30 a 1,50".

L’installazione delle emettitrici di biglietti sui bus a Bergamo rischiava di essere un collasso per le tasche dei viaggiatori. Il Movimento 5 Stelle aveva sollevato la questione mesi fa in Consiglio Comunale invitando l’Amministrazione Comunale ad intervenire.

Stefano Zenoni, Assessore alla Pianificazione Territoriale e Mobilità di Palazzo Frizzoni, carta e penna alla mano ha scritto all’Agenzia di bacino per il trasporto pubblico locale ricordando che da gennaio Atb installerà sui propri bus diverse emettitrici di titoli di viaggio.

“Nel 2013 la Giunta Tentorio aveva deliberato che in caso di vendita di biglietti a bordo, questi potessero essere maggiorati rispetto ai prezzi ordinari secondo una ripartizione che prevedeva due sole fasce tariffarie – afferma Zenoni -. La prima fascia avrebbe avuto un biglietto valido per 1 o 2 zone dal costo di 2,00 euro, valido per 75 minuti, rispetto all’euro e 30, il prezzo del ticket alle rivendite. La seconda fascia avrebbe offerto biglietto valido per 3, 4 e 5 zone – al costo di 3,00 euro a bordo – valido per 120 minuti”.

Nella seduta del 6 giugno 2016 il Consiglio Comunale di Bergamo aveva dato mandato all’attuale Giunta di prevedere, tra le altre cose, “la possibilità di introdurre gli aumenti più bassi possibile in termini percentuali e assoluti ovvero di non prevederne affatto” nel caso di vendita dei titoli a bordo.

“In seguito a questa richiesta approvata dal Consiglio Comunale, ho scritto all’Agenzia per il Trasporto Pubblico Locale del Bacino di Bergamo, nel frattempo divenuta competente per le variazioni tariffarie, perché predisponesse una nuova rimodulazione del titoli, tale da contemplare 3 fasce in luogo delle 2 precedenti, ripartite in questo modo: biglietto valido per 1 zona – 1,50 euro – valido per 75 minuti; biglietto valido per 2 zone – 2,00 euro – valido per 75 minuti; biglietto valido per 3, 4 e 5 zone – 3,00 euro – valido per 120 minuti.
In questo modo, pur mantenendo una maggiorazione sul prezzo ordinario per la vendita a bordo, come previsto dalla delibera di Giunta del 2013, tale aumento verrebbe ridotto, come da richiesta del Consiglio Comunale nel 2016”.

“Di fatto ci sarà un rincaro per chi acquista i biglietti di viaggio dalle emettitrici sui bus – conclude Zenoni – ma ci siamo battuti perché la maggiorazione da 1,30 a 2, ovvero 70 centesimi, prevista dalla giunta precedente, scenda a 20 centesimi così si passa da 1,30 a 1,50. Come discusso in consiglio comunale, la maggiorazione ha senso per questioni gestionali, ovvero deve essere l’opzione ultima per i biglietti, visto che ci sono molti altri modi per acquistarli. Se tutti facessero il biglietto sul pulman si creerebbe un caos difficile da gestire. Non si deve poi dimenticare che ci sono costi maggiori di gestione”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.