BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Lavoro e progresso economico, la Camera di Commercio premia 82 lavoratori e imprenditori

Si è svolta nella mattinata di domenica 18 dicembre in Fiera a Bergamo la cerimonia di premiazione della 56a edizione del “Riconoscimento del lavoro e del progresso economico” con cui la Camera di commercio premia i meriti dei lavoratori bergamaschi. Una cerimonia ricca di emozioni per celebrare i lavoratori e le imprese orobiche, a cui ha partecipato una platea di oltre cinquecento persone, tra le quali spiccavano alcuni tra i nomi più importanti della nostra economia.

Alla presenza della Giunta Camerale, sono stati assegnati 82 riconoscimenti a lavoratori e imprenditori suddivisi in cinque categorie – Lavoratrici e Lavoratori dipendenti o autonomi (1 premio), Lavoratrici e Lavoratori dipendenti – Anzianità e fedeltà (60 premi), Dirigenti d’azienda (2 premi), Coltivatori diretti (5 premi) e Imprese Industriali, Commerciali, Agricole e Artigiane (14 premi) – e 4 benemerenze.

Ad aprire la mattinata di festa ci ha pensato l’Ensemble del Bergamo Musica Festival “Gaetano Donizetti”, rappresentato dalla voce del tenore Luigi Albani, da Giambattista Grasselli al flauto, Alessia De Filippo al violino, Christian Serazzi alla viola e Flavio Bombardieri al violoncello, che si sono esibiti nell’Inno alla Gioia di Beethoven, nell’Inno d’Italia di Michele Novaro e in “Non ti scordar di me” di De Curtis.

La cerimonia è entrata quindi nel vivo con l’intervento del Presidente Paolo Malvestiti che, alla presenza della moglie Antonella e del figlio Alessandro, ha dedicato un ricordo toccante ad Emanuele Prati, Segretario generale della Camera di commercio dal 2009 fino alla sua prematura scomparsa, lo scorso ottobre. Malvestiti ha quindi colto l’occasione per esprimere la vicinanza dell’ente camerale ai lavoratori e alle imprese bergamasche, mettendone in luce in particolare la tenacia, la serietà, lo spirito di sacrificio e lo slancio all’innovazione che stanno sostenendo l’avanzamento tecnologico del made in Italy e del made in Bergamo.

Da qui si è dato il via alle premiazioni vere e proprie. Ciascuna categoria è stata introdotta da un filmato realizzato da Teamitalia, con spaccati di vita di alcuni dei premiati. È stato così fornito un ritratto dei veri protagonisti di questo riconoscimento, che hanno condiviso con il pubblico il loro percorso professionale, il loro modo di vivere il lavoro, i valori che li guidano nella vita di tutti i giorni. Un avvicendarsi che ha animato l’intera mattinata e ha creato un’atmosfera ancora più piacevole e famigliare.

La cerimonia, come accennato, ha visto anche l’assegnazione di riconoscimenti a quattro benemeriti che, con la loro attività, hanno contribuito e contribuiscono tuttora allo sviluppo e all’arricchimento del tessuto economico e sociale bergamasco: Franco Acerbis, presidente di Acerbis Italia spa, che ha segnalato quanto “sia importante spingere i giovani a sognare, ma anche offrire loro un ventaglio di possibilità concrete tra cui identificare il loro percorso”; Carlo Nicora, direttore generale dell’Azienda Ospedaliera Papa Giovanni XXIII, che ha condiviso idealmente il premio con tutti coloro che hanno contribuito al trasloco e alla messa a regime del nuovo ospedale; Roberto Sancinelli, presidente della Montello spa, “profondamente orgoglioso di appartenere a una Nazione benvoluta, stimata e simbolo di eccellenza in tutto il mondo”. E, infine, benemerenza alla memoria per il cardinale Loris Capovilla, uomo di pace, storico segretario di Papa Giovanni XXIII, custode della sua memoria e divulgatore del suo pontificato; per lui ha ritirato il premio il nipote Gianfranco Vecchiato Capovilla, che ne ha ricordato la straordinaria apertura mentale verso comunità anche distanti e il travolgente ottimismo che lo caratterizzava.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.