BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

L’Atalanta tra Milan e mercato: Caldara vicino alla Juve, a gennaio via gli stipendi d’oro

Con le valigie in mano Pinilla, Paloschi, Stendardo, Carmona e Sportiello: il club risparmierà 3,5 milioni di euro. Bianconeri a un passo dall'accordo per il difensore ex Cesena, a Torino solo nel giugno del 2018

Tra Milan e calciomercato. Una settimana delicata quella che sta vivendo l’Atalanta, divisa tra la preparazione del prossimo importantissimo match in casa della terza forza del campionato (dopo due ko consecutivi), e le tante voci che – come di consueto, a dicembre – rimbalzano da radio mercato.

Ma andiamo con ordine.

La preparazione della sfida di San Siro (in programma sabato 17 dicembre, fischio d’inizio alle 18) continua spedita: Gasperini ha ritrovato in gruppo anche Konko e D’Alessandro, completamente ristabiliti dai rispettivi infortuni. Il tecnico piemontese avrà così a disposizione due alternative validissime per il suo scacchiere per la gara contro il Milan.

Intanto, le trattative di mercato si sono già aperte. Gli occhi di mezza Europa sono infatti finiti sui gioielli nerazzurri, con Kessie e Caldara in testa. E se per il primo sembra destinata ad aprirsi un’asta che coinvolgerà squadre di Serie A e Premier League, per il secondo sembra già esserci un accordo tra Atalanta e Juventus: il difensore ex Cesena è vicino ai bianconeri, ma non lascerà Bergamo prima di giugno del 2018. Tra una stagione e mezza, dunque.

Gennaio, poi, sarà il mese dei grandi tagli per i nerazzurri, che saluteranno tutti quei giocatori finiti ai margini del progetto di Gasperini: per Pinilla si va verso la rescissione consensuale, mentre Paloschi potrebbe finire in prestito in una medio-piccola in cerca di una rivalutazione sul mercato che farebbe piacere un po’ a tutti. Ci sono poi Carmona (già tornato in Cile) e Stendardo, per i quali verranno ascoltate tutte le proposte.

E Sportiello? Per il momento resta. Poi, quando tornerà Berisha (nella seconda metà di gennaio) il portierone nativo di Desio potrebbe partire. Chiaramente non alle cifre che Percassi e Sartori contavano di incassare la scorsa estate.

Senza Pinilla, Paloschi, Stendardo, Carmona e Sportiello l’Atalanta risparmierà qualcosa come 3,5 milioni di euro di ingaggi.

Ma il mercato è ance quello in entrata: dal Brasile danno infatti per certo l’accordo tra il club bergamasco e l’entourage di Joao Schmidt, centrocampista centrale classe 1993 che si libererà dal San Paolo a giugno a parametro zero.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.