BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Palafrizzoni, regalo ai commercianti: 100mila euro per le piccole imprese video

Il Comune di Bergamo stanzia 100mila euro a sostegno del commercio cittadino

Il Comune di Bergamo stanzia 100mila euro a sostegno del commercio cittadino. La Giunta ha recentemente approvato uno schema di convenzione per un bando di gara attraverso il quale prevede un contributo massimo pari al 70% (e con un tetto massimo di 2mila euro) dei costi comprensivi  delle spese istruttorie (al netto di quelle associative) applicate a Confidi per le spese di rilascio delle garanzie. Confidi è il “Consorzio di garanzia collettiva dei fidi”, che offre garanzie per agevolare le imprese che vogliono accedere ai finanziamenti a breve, medio e lungo termine. Il Comune, dunque, interviene per facilitare le piccole imprese nella stipula di accordi con i Confidi e accedere così ai finanziamenti per avviare un nuovo esercizio commerciale o ampliare la propria attività.

Eventi a Bergamo e provincia

Il fondo è di 100mila euro distribuiti su tre tranche mano a mano che i soldi vengono spesi: la prima da 40mila euro e le successive da 30mila. Vista la scelta del Comune di stabilire un tetto di 2mila euro per ogni finanziamento, ne deriva che potranno essere finanziate almeno 50 richieste. “La Giunta non ha individuato particolari aree geografiche. Il sostegno è generalizzato, esteso a tutto il territorio municipale per dare un segnale incoraggiante a tutto il commercio cittadino – ha detto il sindaco Giorgio Gori -. Non stiamo parlando solo di attività commerciali di vicinato e di quartiere, ma anche di presidi sociali importanti per la città. Tra gli obiettivi, dunque, vi è anche il chiaro tentativo di contrastare un’eventuale desertificazione di alcune zone di Bergamo”.

il Consorzio di garanzia collettiva dei fidi ogni sei mesi rendiconterà a Palazzo Frizzoni i costi fideiussori e le caratteristiche degli accordo in modo che l’amministrazione possa conoscere le caratteristiche e le finalità dei progetti coinvolti dal bando.

Il provvedimento – aggiunge il vicesindaco e Assessore alla Sicurezza Sergio Gandi – vuole anche essere motore di un meccanismo virtuoso che consente di ottenere un’estensione della garanzia da parte di Confidi ai vincitori del bando. Abbiamo inoltre avviato un dialogo con gli istituti di credito cittadini per ottenere tassi di favore sui finanziamenti. Se l’iniziativa avrà successo – assicura Gandi – sarà replicata e magari allargata ad altri settori commerciali”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da are82

    IL modo giusto per aiutare il commercio sarebbe diminuire o gestire meglio i parcheggi per residenti. Come è possibile che in una zona commerciale in crisi come Borgo Santa Caterina l’unico parcheggio della zona, ossia il piazzale Tiraboschi – ex parcheggio del Palazzetto dello Sport, sia adibito esclusivamente ai residenti? I negozi della zona stanno morendo, nonostante la zona sia piena di piccole realtà che fanno di tutto per cercare di stare a galla. Ma come è possibile? Tra l’altro il suddetto parcheggio di giorno è VUOTO perchè i residenti sono al lavoro, ma nessun altro può parcheggiare, altrimenti scatta immediata la multa da parte dei tempestivi vigili o addetti alla sosta (mai visti interventi più precisi, a proposito: mi viene da pensare che qualcuno tenga davvero molto ai residenti della zona). Cosa se ne fa il commerciante di queste misure se poi la merce resta invenduta perchè la gente non passa da quelle parti perchè non c’è parcheggio. Mi correggo: i parcheggi ci sono, tutti privati a pagamento, o pochissime strisce blu. Urge un intervento, ma qualcuno (sarà un residente?)sembra non accorgersene.