BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bulloni nell’auto del lavoro, fermato allo stadio: daspo a un ultrà atalantino

M.P. era stato perquisito prima di Atalanta-Genoa: sulla vettura, oltre agli striscioni, alcuni tasselli con bulloni. Per questo motivo era stato denunciato per possesso di armi improprie. Ora il divieto del questore

Era stato fermato per un controllo di polizia in viale Giulio Cesare poco prima di Atalanta-Genoa dello scorso 30 ottobre: sulla sua vettura, la stessa che utilizza per andare al lavoro, gli agenti avevano trovato alcuni tasselli con bulloni. Per questo motivo, M.P., ultrà atalantino di 19 anni, ha rimediato un Daspo di un anno.

Il giovane, operaio per una ditta bergamasca, era stato perquisito poco dopo essere partito da casa, in zona Monterosso, mentre stava andando allo stadio con in auto alcuni striscioni da esporre in Curva Nord. Il materiale ferroso era stato rinvenuto nel cassetto porta-oggetti: era stato così denunciato secondo l’articolo 4, ossia il possesso di armi improprie.

E in attesa del procedimento penale, il questore di Bergamo Girolamo Fabiano, secondo l’articolo 6, gli ha imposto il Daspo di un anno: per 12 mesi non potrà quindi accedere a manifestazioni sportive, comprese le partite dell’Atalanta.

M.P. si era rivolto all’avvocato Federico Riva, il quale aveva presentato una memoria difensiva in cui il datore di lavoro del ragazzo attestava che quei tasselli con bulloni fossero materiale che utilizza quotidianamente nelle sue mansioni. Aveva anche prodotto una copia degli stessi utensili, per dimostrare che fossero proprio quelli in uso, chiedendo di archiviare il procedimento amministrativo del Daspo o almeno di sospenderlo fino all’esito del procedimento penale. Ma non è bastato a evitare il divieto del questore: non essendo recidivo, il giovane se l’è cavata con un anno, rispetto ai cinque in caso di precedenti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.