BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Balasso, Baricco e la magia del Donizetti”: Mariella e Camilla raccontano Smith&Wesson video

Le due protagoniste dell'opera teatrale in scena al teatro cittadino fino a domenica 18 dicembre sono state ospiti della redazione di Bergamonews

In redazione a Bergamonews sono arrivate Mariella Fabbris e Camilla Nigro, le protagoniste di Smith&Wesson, insieme a Natalino Balasso e Fausto Russo Alesi, al teatro Donizetti di Bergamo fino a domenica, opera tratta da un libro di Alessandro Baricco e diretta da Gabriele Vacis.

Mariella e Camilla

L’intervista video che potete vedere qui e leggere più sotto, realizzata da Alex Volpi e Luca Bassi, ha fatto emergere la verve, la simpatia, la preparazione delle due attrici.

Come è stato il debutto bergamasco, anche rapportato alle tappe precedenti della tournée?

Mariella Fabbris: Arriviamo da Bolzano, siamo state accolte meravigliosamente in un teatro così bello e comodo che l’abbraccio è stato vigoroso.

Camilla Nigro: Hanno cominciato subito a ridere e a respirare con noi. In alcuni teatri l’inizio è silenzio totale e non si percepiva lo scambio… invece qui dall’inizio e per l’intero spettacolo è sempre stato un… macinare insieme. Accoglienza molto bella.

Perché questa differenza?

Mariella Fabbris: Forse perché siamo in provincia, dove provincia è tutt’altro che negativo, è un’attenzione e un ascolto in più… Tieni conto che con noi c’è Natalino Balasso e la gente si aspetta di ridere. E si ride molto. Così a volte c’è chi rimane in silenzio perché si aspetta dei classici, è meno preparata a un teatro contemporaneo che invece trascina in altro modo.

Camilla Nigro: Poi il teatro è ampissimo… ti dà un senso di… cascate. A un certo punto guardiamo in alto proprio parlando di cascate e le lucine dei palchi tutte accese ci danno un’emozione forte. Non succede sempre e dappertutto.

Vi siete trovate bene, dunque?

Mariella Fabbris: Sì. Lo spazio teatrale è molto importante per questo spettacolo. Il teatro moderno, il parterre dà una visibilità diversa, più ampia, ma il teatro all’italiana… soprattutto quando arriva l’onda d’acqua… per chi lo vede dai palchi è molto suggestivo.

Rachel, il suo personaggio, chi è?

Camilla Nigro: Rachel è un personaggio di 23 anni (io ho la stessa età). Diciamo che siamo affini come carattere: Rachel è impetuosa, non sta zitta un attimo e spesso è definita come il motore dell’azione. Anche perché nei primi venti minuti si vive un tempo dilatato in cui sono protagonisti Natalino (Balasso) e Fausto (Alesi), che sono Smith & Wesson, sono rallentati, poi arriva Rachel e il tempo si fa più serrato. Rachel tiene il ritmo di tutto. Ma è un ritmo interno: lei è il cuore pulsante. Poi è bella perché, nonostante le capitino delle cose tremende che racconta all’inizio, ha la speranza, la giovinezza e la voglia di sfondare, ma non solo di diventare famosa, di sfondare dei meccanismi che si sono creati, tipo le sedie occupate dai vecchi e rubate ai ragazzi. Un problema attuale che sento molto.

balasso

Invece la signora Higgins? Gabriele Vacis l’ha definita come una sfida, un personaggi complesso da portare in scena, e per questo si è affidato a un’attrice conosciuta e che stima molto.

Mariella Fabbris: Con Gabriele nasciamo insieme, come Teatro Settimo. E Bergamo ci conosce molto bene. E per un cameo come questo, disegnato da Baricco non si poteva pensare di avere una “attriciona” del cinema, anche se c’erano delle candidate, da Meryl Streep in su. Quindi sono molto orgogliosa e molto contenta di ritornare nei grandi teatri perché per un po’ di tempo io ho lavorato a Settimo Torinese per il territorio, con i bambini e gli anziani. Ritornare, poi vicino a Baricco… c’è un legame affettivo. Poi scrittura e ritmo sono molto vicini a come recito io. La signora Higgins non è in scena, viene molto chiamata. Entra infine in un silenzio assoluto che si crea attorno all’esito di questa storia. E ha in mano tutta la responsabilità di dire cosa è successo. Molto molto commovente.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.