BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Deroga punti nascita, Gallera invia lettera al Ministro della Salute

L'assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera ha inviato nella mattinata di mercoledì 14 dicembre al ministro della Salute Beatrice Lorenzin una lettera di richiesta di revoca del diniego alla deroga per la chiusura dei punti nascita presentata da Regione Lombardia

L’assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera ha inviato nella mattinata di mercoledì 14 dicembre al ministro della Salute Beatrice Lorenzin una lettera di richiesta di revoca del diniego alla deroga per la chiusura dei punti nascita presentata da Regione Lombardia.

“Abbiamo appreso dalla stampa – si legge nel documento – il cambio di orientamento del suo dicastero in merito al diniego alla deroga alla chiusura dei punti nascita presentata da Regione Lombardia. Lo scorso giugno abbiamo fornito la relazione inerente la richiesta di deroga dei Punti Nascita ai sensi dell’art. 1 del DM 11.11.2015, corredata dalle rispettive istanze di deroga delle Strutture sanitarie, sedi di Punti Nascita con numero di parti inferiore a 500 l’anno, per i quali abbiamo fatto richiesta di deroga alla chiusura”.

“La documentazione – prosegue la nota – riportava le specifiche motivazioni riguardanti ciascun punto nascita, le progettualità al fine di migliorarne le performance e check list per la verifica degli standard. Ad oggi non abbiamo ricevuto nessuna richiesta di integrazione alla documentazione presentata, sulla base di eventuali rilievi da parte di codesto Ministero. Ritenevamo quindi esaustivi i documenti già in vostro possesso”.

“Con la presente chiedo, quindi – conclude la missiva -, la sospensione della non accoglibilità della richiesta di deroga per i Punti Nascita di Piario, Angera, Broni Stradella, Gravedona o Chiavenna e Casalmaggiore, formalizzata con nota dal Ministero Salute Direzione Generale Della Programmazione Sanitaria, in data 9/12/2016. Siamo pronti, quindi, a fornire la eventuale documentazione necessaria al fine di una nuova valutazione della richiesta di deroga e disponibili a fissare un incontro il prima possibile per confrontarci sulla questione”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.