BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Gentiloni accetta con riserva l’incarico di presidente del Consiglio

"Non per scelta ma per responsabilità ci muoveremo nell'ambito del Governo e della maggioranza uscente" per "dare all'Italia un Governo nella pienezza dei poteri", ha detto Gentiloni

Sergio Mattarella ha dato a Paolo Gentiloni l’incarico di formare il nuovo governo dopo le dimissioni di Renzi. Gentiloni ha accettato con riserva.

Sarà un esecutivo in continuità con il Governo Renzi. “Dalle consultazioni – ha dichiarato Gentiloni – è emersa l’indisponibilità delle maggiori forze delle opposizioni a condividere responsabilità in un nuovo governo. Dunque non per scelta ma per senso di responsabilità ci muoveremo nel quadro del governo e della maggioranza uscente”.

Come Mattarella ha sottolineato al termine delle consultazioni, il Paese “ha bisogno di un governo in tempi brevi” perché ci sono “scadenze e impegni da rispettare, sul piano interno, europeo e internazionale”. E proprio il piano europeo è quello più impellente: giovedì 15 c’è infatti il Consiglio Europeo e Mattarella vuole un governo insediato e con pieni poteri.

“Sono consapevole di dover dare all’Italia un governo nel pieno dei propri poteri per affrontare i problemi a cominciare da quelli delle zone colpite dal terremoto – ha detto Gentiloni -. Mi muoverò con senso di responsabilità, in tempi rapidi. Conto di riferire presto al presidente Mattarella sull’esito delle mie consultazioni per la costruzione del Governo. Mi muoverò all’interno della maggioranza uscente e cercherò di svolgere il compito assegnatomi con dignità”.

E su Renzi ha detto: “Con una coerenza che merita rispetto, non ha accettato il reincarico”. Gentiloni si è poi recato al Senato per incontrare il presidente Pietro Grasso e poi alla Camera a incontrare la presidente Laura Boldrini.

Deputato dal 2001, dal 17 maggio 2006 all’8 maggio 2008 Gentiloni è stato ministro delle comunicazioni nel Governo Prodi II,  nonché ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale nel Governo Renzi dal 31 ottobre 2014. Nato a roma 62 anni fa, è laureato in Scienze politiche e giornalista professionista.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.