BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Inquinamento, Legambiente preoccupata: “Le misure d’emergenza non bastano”

Legambiente Lombardia interviene sul difficile momento di salute dell'aria che respiriamo tutti i giorni: "Servono scelte di rilancio del trasporto pubblico e di riduzione delle emissioni dagli impianti di riscaldamento domestici".

Il livello dell’inquinamento dell’aria sta raggiungendo picchi preoccupanti: Comuni pronti ad attivare il protocollo d’emergenza, con limitazioni al traffico e al riscaldamento in abitazioni e uffici, ma secondo Legambiente non basta. 

“Non c’è il miracolo dietro l’angolo. Per battere lo smog non bastano, anche se sono le benvenute, nuove misure d’emergenza – spiega il responsabile Trasporti di Legambiente Lombardia Dario Balotta – I pannicelli caldi (targhe alterne, limitazioni di velocità, stop agli euro 3 etc.) hanno caratterizzato il passato e hanno lasciato inalterato le cose. Le ferrovie svolgono un ruolo troppo marginale, solo 700mila i pendolari che usano il treno. Davvero pochi se si pensa che nella sola Monaco di Baviera circolano il doppio di pendolari al giorno in treno”.

Dopo aver analizzato la situazione Legambiente passa alle proposte: “Prima di tutto va offerto un efficiente servizio pubblico in tutte le città e provincie lombarde. Vanno anche potenziati i trasporti extraurbani e tra hinterland e hinterland che invece stanno crollando. Nessun governo locale europeo lascerebbe la programmazione dei servizi di trasporto  in mano ad Agenzie della Mobilità senza competenze e nate già vecchie con logiche spartitorie. ATM e aziende ti trasporto urbane, aziende di autobus extraurbane e ferrovie (compresa Trenord) tra loro non dialogano, non hanno strategie comuni e qualche volta addirittura sono configgenti come nei tanti casi dove vi sono delle sovrapposizioni di offerta di servizi sulla stessa tratta.  Basti pensare che non c’è ancora un biglietto unico integrato valido per tutti i mezzi come in ogni città europea. Peggio  non esiste un organismo di coordinamento (autority) della mobilità metropolitana e lombarda. Un piano per il superamento degli impianti di riscaldamento a gasolio deve caratterizzare senza rinvii il prossimo futuro”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.