BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Real Bodies, 106 malori in 9 settimane alla mostra dei cadaveri fotogallery

Più informazioni su

“Nessun minore di 12 anni fra i 106 colpiti da malori, nausea o svenimenti che in due mesi e una settimana hanno richiesto una sola volta, nel caso finora più preoccupante, l’intervento del 118. Il 26% degli episodi hanno presentato sintomi dovuti a malessere fisico soggettivo dei visitatori senza legami con l’impressionabilità, mentre circa il 37% dei colpiti da malore sono risultati adulti maschi fra i 20 ed i 35 anni. Il pubblico femminile si è dimostrato più resistente in generale ma particolarmente sensibile per il 12% al tema della natalità provando emozioni difficili da reggere nel padiglione dell’apparato riproduttivo dove sono esposti i feti. Poiché le cifre indicano un malore ogni mille visitatori, vorremmo soprattutto scongiurare allarmismi”.

A snocciolare le statistiche è Mauro Rigoni, titolare di Venice Exhibition, società organizzatrice di “Real Bodies, scopri il corpo umano”, mostra internazionale di anatomia che espone fino al 29 gennaio oltre 350 fra corpi interi ed organi conservati attraverso il procedimento della plastinazione in via Privata Giovanni Ventura 15 a Lambrate. Le sue esternazioni arrivano alla vigilia del ponte dell’Immacolata e dopo l’episodio più grave avvenuto sabato scorso, 3 dicembre, che ha visto un 26enne milanese perdere i sensi per ben due volte nei pressi di un cadavere sezionato al padiglione dedicato all’apparato riproduttivo e venire poi trasportato in codice rosso al pronto soccorso del Policlinico di Milano per accertamenti. Lo stato del giovane, che faticava a riprendersi, aveva impensierito a tal punto da rendere necessario per la prima volta l’attivazione del 118 che aveva inviato in loco un’autoambulanza della Croce Maria Bambina.

“Ci siamo informati sulle condizioni del visitatore fino allo scampato pericolo” ha aggiunto Rigoni “sapevamo comunque di averlo affidato nelle ottime mani del servizio di emergenza e che era circondato dalle attenzioni della sua compagna. Da quello che è emerso la sua perdita di sensi non sarebbe stata causata da particolare impressionabilità del soggetto, ma aveva piuttosto altre cause. Nonostante le numerose edizioni di questa mostra che ci hanno preparato a queste situazioni, la predisposizione di una infermeria nella sede espositiva e il nostro personale estremamente preparato in questi casi, non abbassiamo mai la guardia”.

“102 malori su 100.000 ingressi registrati dall’apertura della mostra”, analizza la psicoanalista milanese, Flaminia Nucci, “significa un episodio ogni mille visitatori, dati in linea con la normale incidenza statistica dell’impressionabilità nei soggetti di tutte le età che stanno affollando gli orari di apertura della mostra. C’è da rilevare che in una nutrita percentuale di casi, di cui un esempio esplicativo è l’episodio avvenuto sabato con due mancamenti consecutivi di un 26enne tanto da richiedere l’intervento del 118, il malessere è più da ricondurre a condizione soggettiva del visitatore, che ad una sua spiccata impressionabilità di fronte ai cadaveri esposti”.

“Anche l’assenza fra i più impressionabili di minori di 12 anni, e quindi di soggetti in età scolare” aggiunge “è spiegabile con la particolare relazione che hanno con la morte i bambini: i piccoli hanno una conoscenza istintiva, ma ancora non perfettamente cosciente, della morte con la quale faticano ad immedesimarsi, che invece, nel periodo dell’adolescenza, fa il suo ingresso nel campo della coscienza: quando la morte non è più un’astrazione. L’adolescente infatti si confronta con il fatto che anche lui, un giorno, dovrà morire. Una forte reazione emotiva può invece scatenarsi in soggetti femminili alla vista dei feti, in particolar modo nelle donne che hanno avuto aborti spontanei o che hanno volontariamente interrotto la gravidanza”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.