BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Maxi sequestro di droga: 180 chili di hashish per un valore di 2 milioni

I Carabinieri della Compagnia di Treviglio, guidati dal Capitano Davide Onofrio Papasodaro, hanno sequestrato circa 180 chili di hashish e arrestato un 44enne di origini marocchine.

Sequestro di droga da guinness dei primati nella Bassa Bergamasca. I Carabinieri della Compagnia di Treviglio, guidati dal Capitano Davide Onofrio Papasodaro, hanno sequestrato circa 180 chili di hashish e arrestato un 44enne di origini marocchine, regolare, con alle spalle un piccolo precedente, residente in provincia di Campobasso, ma domiciliato da tempo nel Comune di Madone.

Lunedì sera, in particolare, i Carabinieri della stazione di Brembate hanno fermato l’extracomunitario per le vie del piccolo centro bergamasco per un controllo operativo. Percepito l’atteggiamento nervoso e insofferente dell’uomo, i militari l’hanno quindi sottoposto a perquisizione personale e trovato in possesso di circa mezzo chilo di hashish. A questo punto, il 44enne è stato portato in caserma per gli approfondimenti di rito. Sulla sua persona è stato trovato anche un mazzo di chiavi che hanno consentito ai Carabinieri di individuare un’abitazione sempre a Madone. Dalla successiva perquisizione domiciliare è stato così rinvenuto lo straordinario quantitativo di droga. Si tratta di sei sacchi con all’interno all’incirca 30 chili ciascuno di hashish, già suddivisi in panetti e ben confezionati.

Il marocchino è stato quindi tradotto in carcere. Nei prossimi giorni verrà sottoposto ad interrogatorio di convalida davanti al GIP del Tribunale di Bergamo.

Nel frattempo il lavoro investigativo dei Carabinieri della Compagnia di Treviglio non si ferma. L’ingentissimo quantitativo fa ragionevolmente pensare a un traffico di droga proveniente dall’estero. Sul mercato criminale, difatti, la droga rinvenuta e sequestrata avrebbe reso all’incirca 2.000.000 di euro.

Un duro colpo al florido mercato del traffico di stupefacenti è stato quindi inferto dai militari dell’Arma, che hanno così sottratto dai circuiti delittuosi del territorio una “partita” di droga che avrebbe – molto probabilmente – approvvigionato il mercato locale e non solo in prossimità delle prossime festività natalizie.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.