BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Tino Sana arreda la boutique di Officine Panerai a St. Moritz

Tino Sana, storica falegnameria italiana (con sede in provincia di Bergamo, ad Almenno San Bartolomeo) specializzata nella realizzazione di arredi per alberghi, navi da crociera e complessi comunitari di prestigio, continua a portare alto il nome del Made in Italy nel mondo.

Tino Sana, storica falegnameria italiana (con sede in provincia di Bergamo, ad Almenno San Bartolomeo) specializzata nella realizzazione di arredi per alberghi, navi da crociera e complessi comunitari di prestigio, continua a portare alto il nome del Made in Italy nel mondo. Prossimi appuntamenti: la boutique di Officine Panerai a St. Moritz e il ristorante Igniv dello chef Andreas Caminada all’interno del Badrutt’s Palace di St. Moritz, tutti con arredamenti rigorosamente realizzati da Tino Sana.

Nel dicembre 2016, in particolare, sarà inaugurato lo spazio multibrand del Gruppo Richemont, di cui Panerai è parte. E queste sono solo le espressioni più recenti di una collaborazione nata nel 2011 che ha portato alla realizzazione degli arredamenti per le boutique di Hong Kong (tre piani di vendita al dettaglio di cui uno riservato alla clientela VIP e uno al customer care), New York, sul tratto più prestigioso di Madison Avenue e Miami, all’interno del nuovissimo Design District. Nonché: Taipei, Seul, Pechino, Milano e Parigi in Rue du Faubourg Saint-Honoré.

Un lavoro fatto di grande creatività e professionalità, di attenzione altissima per i dettagli e per la qualità delle finiture, grazie alla collaborazione con il celebre architetto spagnolo Patricia Urquiola con cui Tino Sana ha iniziato a collaborare nel 2012 per la realizzazione degli store Missoni di Milano e Parigi, spazi caratterizzati da intensi cromatismi, con colori e disegni della casa stilistica trasposti direttamente in arredi e architetture. Un rapporto di fiducia, quello tra Tino Sana e Urquiola, basato sulla ricerca costante della massima qualità tecnologica e artistica e sulla valorizzazione del made in Italy, ancora più richiesto e apprezzato nel campo degli arredamenti top gamma, che con i progetti Panerai ha raggiunto uno dei suoi massimi livelli espressivi. Tino Sana, infatti, ha mostrato la capacità di trasformare in progetti concreti le intuizioni del famoso architetto, leggendole e interpretandole grazie a un accurato lavoro di ricerca e sviluppo, unendo le ultime tendenze in fatto di arredi con lavorazioni particolari e innovative. Dalla carta, dunque, ad arredi indimenticabili, unici nel loro genere.

«L’ideazione di arredi per Panerai richiede un appassionato studio di materiali: siamo alla costante ricerca di concept capaci di richiamare la filosofia del brand, da sempre ispirato al mondo della nautica. Da qui, ad esempio, l’idea di usare un vetro stratificato composto da vetro cannettato con uno specchio, perfetto per restituire la magia del mare, o ottoni bruniti e rivestimenti in legno di rovere con incisioni in MDF Medium density fiberboard, pannello di fibra a media densità) e giunco nero come i deck degli yacht – spiega Gianpaolo Sana ,oggi alla guida dell’azienda con il fratello Guido, precisando: È una sfida appassionante, una missione resa ancora più stimolante dal fatto che con Officine Panerai condividiamo gli stessi valori: entrambi amiamo il design, il rispetto della storia, il rigore del progetto, l’eccellenza».

Tino Sana, in particolare, ha iniziato a lavorare nell’arredamento di stores e boutique negli anni ’90, collaborando con Armani e Trussardi, per poi riprendere nel 2012 con ISAIA & ISAIA, azienda di abbigliamento maschile d’alta gamma per cui hanno realizzato i negozi di Milano, Tokyo, New York, Los Angeles, e diversi corner nei mall USA, e con Artioli, brand di calzature d’alta qualità, per cui ha curato l’allestimento dei negozi di Londra, di Nizhny Novgorod, in Russia, di Bagdad, prossima apertura.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.