BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

L’ultimo album dei bergamaschi Moostroo: “Essenziale, lineare, affascinante”

L'ultima fatica discografica dei Moostroo: terzetto bergamasco tra i più seguiti e attivi sul territorio. L’album è uscito il 14 novembre 2016 e arriva due anni dopo il loro primo album omonimo

“Nel tempo fugace l’amore ci cuce” sono i versi che chiudono la canzone d’amore ‘Meteora’, pezzo che apre il nuovo disco dei Moostroo dal titolo ‘Musica per adulti’. Nel procedere dentro una struttura musicale semplice e ripetitiva, è uno dei momenti più riusciti dell’album soprattutto perché oggi, comporre una canzone d’amore senza fare figuracce, è davvero difficile.

A generica

Gli autori sono tre ex Jabberwocky. Per la precisione Dulco Mazzoleni, scimitarra e voce e Francesco Franz Pontiggia al basso a due corde, autori dei brani. Completa il trio Igor Malvestiti, essential drums. Per almeno la metà dei bergamaschi amanti della musica indipendente quella vera, non c’è bisogno di presentazioni. Gli altri si informino, ne vale la pena. L’album è uscito il 14 novembre 2016 e arriva due anni dopo il loro primo lavoro dal titolo Moostroo.

Dalla seconda traccia in poi l’album vira vistosamente verso le atmosfere cupe ed essenziali di una musicalità già sentita e amata intorno alla fine degli anni settanta con il punk dei Cure (per fare un esempio). ‘Oblio’, il quinto pezzo dell’album, può sembrare un omaggio ad ‘Accuracy’ da ‘Three immaginary boys’.

Chi, come ascoltatore, ha seguito la nascita della musica indipendente italiana si è avvicinato probabilmente ai suoni distorti degli inventori italiani di tale stile e parliamo del Consorzio Suonatori Indipendenti di Giovanni Lindo Ferretti, anni 90 e dintorni. C’è anche qualcosa di quelle sonorità nella musica per adulti dei Moostroo. In ‘Regalami’ terza traccia, la vena malinconico/cantautorale si avvicina ai primi La Crus di ‘Nera signora’.

Quello che rimane a seguito di un reiterato ascolto del CD è una rara sensazione di empatia rispetto al senso del lavoro svolto. L’album è intriso di erotismo; l’amore ha quella faccia sinceramente carnale, ultima spiaggia contro il marcio e l’ipocrisia della società di oggi. Senso che, a conti fatti, si esprime meglio nelle musicalità così autunnali in alcuni brani, e segnate da un certo spirito di rassegnazione. Tutto è tenuto insieme dal timbro cupo della voce di Dulco e da una sezione ritmica appositamente essenziale e a volte tachicardica.

I testi invece risultano, nella forma, spesso imprigionati da una certa ansia di dover trovar la rima a tutti i costi. Il lavoro segue la regola della sottrazione in termini di struttura musicale e i ragazzi mostrano di padroneggiare quest’arte fino a togliere anche due corde al basso di Franz Pontiggia. L’album si chiude con la dolcecupa ‘Umore nero’ col supporto del violoncello di Leonardo Gatti. Significativa l’idea di quel finale. Tutto è ridotto all’osso, tutto è lineare e affascinante. L’album appare così come un piccolo romanzo breve. La fama dei Moostroo si specchia nelle prestigiose recensioni di testate altamente specializzate che andiamo a riportare:

da MUCCHIO (Novembre 2016): “Due anni e mezzo dopo l’omonimo esordio, il trio bergamasco ci offre una conferma con le dieci canzoni di Musica per adulti, sempre sul filo di una formula post-punk tanto curata nella sua ostinata essenzialità quanto poetica eppure spietata nel contenuto e talvolta pure nella forma”.

da BLOW UP (Novembre 2016): “un basso pulsante e una voce slabbrata, nudità noise e funk tignoso, i muscoli del primo Nick Cave e i nervi a fior di pelle”.

da RUMORE (Novembre 2016): “E’ un rock italiano maturo quello del trio bergamasco, enfatico il giusto e con testi sopra la media”.

da IMPATTO SONORO: “Un lavoro splendido, che spazia abbastanza da ammiccare alla sperimentazione senza finire nell’incapacità di essere solidi, che non prenderà forse dal primo ascolto perché deve crescere un po’ dentro, deve farsi ascoltare per poter comunicare tutto quello che ha da dire”.
www.impattosonoro.it/2016/11/28/recensioni/moostroo-musica-adulti-recensione/

da MUSICMAP: “Già dal secondo ascolto avrete coscienza di aver investito bene sul Moostroo. Un trio preparatissimo, con un background tutt’altro che esile, che sferza colpi geniali”.
www.musicmap.it/recdischi/ordinaperr.asp?id=4991

da RADIOCOOP: “Musica per adulti” fotografa un momento di notevole creatività, freschezza artistica e consolidamento della personalità.
www.radiocoop.it?p=6280

da INDIPERCUI: “una musica per adulti confezionata puntigliosamente dove le incursioni dell’underground distorto sfiorano un concetto elettrizzante e penetrante, che non cerca sicuramente le mezze misure”.
indiepercui.altervista.org/moostroo-musica-adulti-autoproduzione/

da DISTOPIC: “le canzoni hanno un taglio sfacciato e Dulco Mazzoleni dà ampio spazio alla sua teatralità vocale”.
www.distopic.it/moostroo-musica-adulti/

da MUSICTRAKS: “Disco rumoroso e convinto, il nuovo dei Moostroo riesce a miscelare con cautela e saggezza elementi diversi. L’energia si accoppia con la qualità della scrittura, in un album che finisce per essere ricco di sensazioni diverse e pieno di canzoni che si ha voglia di riascoltare”.
www.musictraks.com/moostroo-musica-per-adulti-la-recensione.html

da VORREI: “Il percorso dei Moostroo si fa quindi sempre più interessante e personale, un’isola di qualità ed idee nel mare piatto della scena indipendente italiana”.
www.vorrei.org/culture/10212-moostroo-alla-ricerca-dell-amore.html

da MUSICALNEWS: “La band ci propone dieci canzoni che hanno un elemento comune da un punto di vista intellettuale: la perdita della innocenza. Il disco parla della trasformazione dell’amore dall’età dell’innocenza a quella degli adulti”.
www.musicalnews.com/articolo.php?codice=34619&sz=4

da ARTISTSANDBANDS: “Come affrontare 10 viaggi in musica, dall’Inferno al Purgatorio, passando per pochi scampoli di Paradiso. Se ciò non vi turba, salite a bordo del Moostroo per vivere catartiche esperienze e visioni contraddittorie , in un enfasi di sentimenti che ammaliano con dolcezza ma che deflagrano in un nanosecondo”.
www.artistsandbands.org/ver2/recensioni/recensioni-in-pillole/8485-moostroo-musica-per-adulti
Innumerevoli le date dei concerti in programma da qui all’eternità. Chi era presente al Druso, locale di Ranica, venerdì 18 novembre 2016, si è già fatto un’idea del progetto. Per il seguito del tour andate su http://moostrootrio.wixsite.com

Video tratto da nuovo album: Ostinato amore

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.