BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Patto per la Lombardia, Maroni a Bergamo: “Fondi certi e vincolati” foto

Il Presidente della Regione Roberto Maroni ha incontrato mercoledì 30 novembre a Bergamo i sindaci dei capoluoghi di provincia lombardi

Più informazioni su

“Sono soddisfatto dell’incontro di oggi (mercoledì 30 novembre, ndr), di questo tavolo che si è formalizzato, individuando i sindaci dei Comuni capoluogo interlocutori della Regione per il territorio. Ora entriamo nel merito e verificheremo con i territori le opere da realizzare e l’utilizzo di una parte dei fondi, cosi’ come l’assegnazione dei 110 milioni delle politiche abitative e l’impiego dei circa 500 milioni per gli interventi di edilizia sanitaria e di innovazione tecnologica nella sanità. I sindaci avranno il compito di parlare col territorio, con la Provincia e i Comuni della Provincia”. Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni a Bergamo, al termine dell’incontro con i sindaci dei Comuni capoluogo dedicato all’attuazione del ‘Patto per la Lombardia’.

RISORSE VINCOLATE ALLA LOMBARDIA – “Il vantaggio del ‘Patto’ è che vincola, per le opere che prevede, che sono elencate nel dettaglio, e che dovranno essere realizzate, per esempio, da
Anas, dalle Ferrovie e anche da noi, le risorse stanziate. Mentre prima si poteva correre il rischio che le risorse venissero spostate su altre opere, fuori dal territorio regionale, ora questo non è più possibile – ha proseguito Maroni, mostrando la firma del presidente del Consiglio apposta in calce al ‘Patto’ cosi’ come la sigla “su ogni pagina degli allegati” -. Viceversa, se noi decidiamo che un’opera non si farà più, le risorse che le erano state destinate restano comunque dentro il ‘Patto per la Lombardia’ e possono essere assegnate ad altre opere, ma sempre in Lombardia”.

DAL CIPE CERTEZZA SULLE RISORSE – “Domani al Cipe non vanno le singole opere – ha sottolineato il presidente -, va il ‘Patto per la Lombardia’, ed è importante perchè questo passaggio dà la certezza che queste risorse siano definitivamente assegnate alla Lombardia. E’ un’altra buona notizia, non succede mai: di solito il passaggio al Cipe avviene in tempi molto piu’ lunghi, il fatto
che in questo caso siano trascorsi tempi così brevi è per noi la conferma che i soldi ci sono”.

PROSSIMO INCONTRO ENTRO NATALE – “Oggi abbiamo stabilito un metodo, il prossimo incontro e’ previsto prima di Natale – ha concluso Maroni – e sarà un incontro operativo”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.