BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Guardie giurate in servizio sul treno aggredite: arrestato quarantenne

Si tratta del primo arresto da quando è iniziato il pattugliamento delle guardie giurate sui treni.

Due guardie giurate in servizio sui treni da Bergamo a Treviglio sono state aggredite e picchiate dopo un controllo sul treno Bergamo-Treviglio. E sono finite al pronto soccorso: guariranno nel giro di qualche giorno L’aggressore è stato arrestato:  si tratta del primo arresto da quando è iniziato il pattugliamento delle guardie giurate sui treni.

Cosa è successo? Sabato 26 gli agenti del Commissariato di Treviglio, diretto da Angelo Lino Murtas, di pattugliamento alla Stazione Ovest di Treviglio, sono intervenuti sul treno proveniente da Bergamo per fermare una persona molesta.

Dopo averla bloccata per l’identificazione, hanno ricostruito la vicenda sentendo il capotreno e le due guardie giurate che, come noto, da alcuni giorni accompagnano il personale in servizio sui treni proprio per prevenire aggressioni da chi è scoperto senza biglietto.

Il capo treno, dopo la partenza dalla stazione di Bergamo, seguito a breve distanza da due guardie giurate, controllava i biglietti dei viaggiatori. Giunto all’ultima carrozza ha trovato un uomo senza il tagliando di viaggio e anche senza documenti. Visto che non aveva intenzione di pagare la sanzione, l’uomo è stato invitato a scendere. Ma la sua reazione è stata violenta: ha aggredito il capotreno, arrivando a minacciarlo di morte. Immediatamente sono intervenute a sua difesa le due Guardie giurate che si sono prese pugni e calci, nonché le minacce. Ciononostante hanno bloccato l’uomo fino all’arrivo della pattuglia di Polizia.

Gli agenti del commissariato di Treviglio l’hanno dichiarato in arresto e identificato: si tratta di un quarantenne ghanese, in Italia senza fissa dimora. Già denunciato per vari reati tra cui quello di resistenza a pubblico ufficiale.

L’uomo è stato rinchiuso nelle celle di sicurezza del Commissariato in attesa del processo per direttissima fissato per lunedì 28.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.