BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Venerdì di scioperi, anche i dipendenti del settore giustizia

Spiega Francesca Mezzanotte, delegata Usb: "L'adesione a Bergamo si annuncia altissima, come abbiamo verificato in un'assemblea, perché il malcontento è tanto".

In programma venerdì 25, oltre allo sciopero nel settore del trasporto pubblico e della sanità, anche quello dei dipendenti della giustizia. Spiega Francesca Mezzanotte, delegata Usb a Bergamo che parteciperà alla manifestazioen generale in programma a Roma: “L’adesione a Bergamo si annuncia altissima, come abbiamo verificato in un’assemblea, perché il malcontento è tanto. Verranno comunque garantiti i servizi essenziali che riguardano in particolare i detenuti (le direttissime)”.

I sindacati Usb (Unione sindacale di base) e Flp (Federazione lavoratori pubblici) annunciano presidi in tutta Italia e, in particolare appunto, a Roma, sotto i ministeri della Giustizia e della Funzione Pubblica.

“Venerdì 25 novembre – spiega l’Usb – tribunali e procure d’Italia saranno chiusi per lo sciopero dei lavoratori della giustizia, furiosi con Orlando perché stanchi di essere presi in giro da un ministro che da oltre due anni ha promesso di sanare l’ingiustizia subita dal suo personale: l’unico, nel panorama della pubblica amministrazione, a non essere stato interessato da progressioni di carriera da oltre 30 anni”.

Il sindacato sottolinea che “la goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata l’immissione in servizio di personale proveniente da enti disciolti, privo di qualsiasi professionalità nel settore ed inserito senza che nessuno si sia preoccupato di fornire il benché minimo supporto o formazione. Questo personale è stato inoltre inquadrato nei livelli più alti, perchè la Funzione Pubblica ha stabilito come parametro di riferimento non le mansioni”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.