BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ultrà, sentenza d’appello: ridotte le pene per il corteo alla Berghem Fest foto

È stata ridotta la pena a quelli (una cinquantina) che avevano partecipato, il 25 agosto 2010, alla manifestazione di Alzano contro l'allora ministro Maroni

Più informazioni su

Sono state ridotte in Appello le pene di alcuni dei 143 ultrà (87 atalantini e 56 catanesi) coinvolti nel maxi processo di Bergamo per vari episodi di violenza dal settembre 2009 ad agosto dell’anno successivo.

Il giudice del processo d’appello ha confermato nel complesso la sentenza di primo grado emessa il 20 aprile 2015 dal giudice Maria Luisa Mazzola. È stata però ridotta la pena a quelli (una cinquantina) che avevano partecipato, il 25 agosto 2010, alla manifestazione di Alzano Lombardo contro l’allora ministro Roberto Maroni alla Berghem Fest, poiché è stato considerato prescritto il reato di radunata sediziosa. Dopo il corteo di protesta, ignoti avevano dato fuoco ad alcuni mezzi della polizia.

Tra loro anche il Bocia Claudio Galimberti, per cui inizialmente erano stati chiesti 6 anni di reclusione dal pubblico ministero Carmen Pugliese, e condannato a tre con le attenuanti generiche in primo grado. Ora in appello la pena è stata ridotta a due anni e 11 mesi.

Confermate invece tutte le altre condanne per gli altri episodi. A partire dagli scontri tra atalantini e catanesi, del 23 settembre 2009. Si passa poi ai tafferugli con i tifosi interisti del 13 dicembre 2009. Segue la manifestazione non autorizzata davanti alla questura del gennaio 2010, con tanto di volantino contro il questore, e ancora l’aggressione al giornalista de L’Eco di Bergamo Stefano Serpellini a cui Galimberti ha rifilato una testata fuori dal tribunale.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.