BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Piazzalunga, metodo giapponese in salsa bergamasca fotogallery

L’azienda di Sorisole, concessionario diretto Toyota per i carrelli elevatori, ha accolto gli studenti di Brembilla in visita nell’ambito del PMI DAY.

Più informazioni su

L’organizzazione giapponese del modello Toyota unita al feeling tutto bergamasco per la meccanica, oggi sempre più meccatronica, e alla capacità di far fronte agli imprevisti con una bella dose di creatività. E’ il cuore da cui si sviluppa Piazzalunga srl, realtà di Sorisole con 35 dipendenti, che ha ospitato gli studenti della 3a classe della scuola secondaria di I grado di Brembilla nell’ambito del Pmi Day, iniziativa di Confindustria che nella nostra provincia ha coinvolto 5700 studenti, 112 imprese e 79 scuole con l’obiettivo di aiutare i ragazzi a compiere scelte il più possibile consapevoli rispetto ai loro futuri studi e a far conoscere la realtà della manifattura bergamasca e le figure professionali più ricercate dalle aziende.

Piazzalunga è da anni in prima fila nelle varie edizioni del Pmi Day, accompagnando in più giornate diversi gruppi classe alla scoperta di una realtà nata come società familiare e che oggi, con 35 dipendenti, è un punto di riferimento per la logistica e la movimentazione delle merci. Dal 2000 è concessionario diretto Toyota per i carrelli elevatori, onnipresenti nelle più svariate tipologie di aziende, e respira ogni giorno metodi e filosofia di un modello di organizzazione aziendale leader nel mondo.

“E’ una filosofia che ben condividiamo – ha spiegato ai ragazzi Luana Piazzalunga, amministratrice dell’azienda insieme con il marito Giuseppe Castagneto – e che prevede lavoro di squadra, organizzazione, riduzione degli sprechi”.

L’azienda personalizza e cuce su misura per il cliente i carrelli che escono dalle fabbriche Toyota e cura la manutenzione e le riparazioni di carrelli elevatori in genere, inoltre organizza corsi per addetti ai carrelli che, per operare, devono seguire con successo un iter formativo e dotarsi di una sorta di “patentino”. Completano l’offerta la vendita e l’assistenza legata alle macchine per la pulizia e il noleggio di mezzi.

Nella grande officina qualche “vecchia gloria” in riparazione convive con sistemi modernissimi, fra cui i modelli di ultima generazione automatizzati.
Ogni postazione di lavoro presenta tutte le possibili gamme di tradizionali utensili meccanici, ma sul bancone in bella vista non manca il tablet con cui “dialogare” con il cuore elettronico dei carrelli e, in qualche caso, approntare manutenzione a distanza.

“Ogni giorno eseguiamo una settantina di interventi – ha spiegato Giuseppe Castagneto – di cui una decina di guasti e il resto di manutenzione. Complessivamente eseguiamo circa 12000 interventi l’anno. Occorre tenere presente che il carrello è una presenza trasversale in moltissime realtà produttive ed ha una vita piuttosto lunga, anche una ventina d’anni”.

Il modello Toyota è stato in qualche modo il filo conduttore della mattinata di venerdì, tagliata su misura per i giovani visitatori, organizzati in gruppi con tanto di team leader, che è stata caratterizzata anche da una sfida a colpi di tablet per la migliore conduzione di un carrello virtuale lungo un percorso che prevedeva vari sollevamenti carichi e dove era importante il tempo ma soprattutto la precisione e l’accuratezza dei movimenti, pena la perdita o il danneggiamento del carico. Il tutto suffragato dalla consegna di una pergamena al team vincente, che ha condotto il carrello nel minor tempo, ma soprattutto senza incidenti.

Rossana Pecchi

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.