BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il criminologo del pool di Bossetti indagato per falsa testimonianza

Ezio Denti, consulente delle difesa del carpentiere condannato all'ergastolo per l'omicidio di Yara Gambirasio si sarebbe inventato la sua laurea

Nuovo colpo di scena nel caso di Massimo Giuseppe Bossetti: Ezio Denti, consulente delle difesa del carpentiere condannato all’ergastolo in primo grado per l’omicidio di Yara Gambirasio è indagato perché si sarebbe inventato la sua laurea, il titolo accademico con il quale si è arrogato il diritto di difendere Bossetti in tribunale.

Il (presunto?) detective, ingegnere e ragioniere, come rivela Repubblica, avrebbe infatti infranto due articoli del codice penale: il 372, ovvero falsa testimonianza (avrebbe mentito sulla laurea in ingegneria mentre parlava come testimone) e l’articolo 495, per aver rilasciato false attestazioni accademiche a un pubblico ufficiale.

Esattamente un anno fa, Denti dichiarava in aula: “Ho seguito migliaia di casi nell’ambito di quelle che sono le investigazioni private, e diverse nell’ambito delle indagini difensive. Nell’ultimo anno mi sono occupato di una decina di omicidi, casi abbastanza di rilevanza nazionale”.

L’avvocato difensore, Claudio Selvagni, si era rivolto al suo collaboratore chiamandolo più volte “dottore”, così quando il pubblico ministero Letizia Ruggeri ha messo alle strette Denti incalzandolo a proposito dei suoi titoli di studio il detective ha dichiarato di essere laureato in “Ingegneria sezione industriale con specializzazione in balistica applicata alla criminologia all’istituto tecnico superiore di Friburgo in Svizzera”. Peccato che secondo l’ufficio statale italiano i titoli di Denti si limitino a un 36/60esimi agli esami da ragioniere e perito commerciale.

Denti, per inciso, da anni frequenta aule di tribunale e soprattutto salotti televisivi, in veste di esperto criminologo pronto a discutere alla pari con avvocati e giornalisti. Ora, la sua vicenda, potrebbe anche entrare nei libri di giurisprudenza. Il caso Bossetti ha infatti portato alla luce diversi interrogativi: nei processi è consentito al consulente di vantarsi di titoli che non possiede? Ma soprattutto, l’avvocato può presentare come esperto una persona senza i requisiti scolastici?

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Maistanca

    niente da dire sulla validità del titolo di studio, anche se da tempo si persegue l’equipollenza dei titoli di studio conseguiti all’estero con quelli italiani. Resta il fatto che Denti è uno che si è impegnato a fondo, anche con i propri mezzi e la sua predisposizione naturale all’approfondimento dei temi per sbrogliare le molte matasse ingarbugliate sul caso Bossetti e qualcosa almeno ha ottenuto, es sul furgone ha chiarito che “non è” sempre lo stesso quello che appare sulle telecamere. La persona si è anche preoccupata di citare fonti inconfutabili come l’OM iveco e gli ingegneri disegnatori in quel caso. Strumentale e intellettualmente disonesto mi sembra attaccarsi al titolo e non ai fatti ….