BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Inchiesta Ubi, 39 indagati: anche i bergamaschi Zanetti, Moltrasio e Pesenti

Si chiude con 39 indagati l'inchiesta sulla gestione di Ubi, la quarta banca italiana, nata dalla fusione fusione tra le banche di Bergamo e Brescia

Si chiude con 39 indagati l’inchiesta della procura di Bergamo sulla gestione di Ubi, la quarta banca italiana, nata dalla fusione fusione tra le banche di Bergamo e Brescia. Tra loro Emilio Zanetti, come presidente dell’associazione ‘Amici di Ubi’, il presidente del consiglio di sorveglianza Andrea Moltrasio e l’imprenditore Giampiero Pesenti. Oltre a pezzi grossi come Giovanni Bazoli, presidente dell’associazione Abpl, e la figlia Francesca, l’amministratore delegato di Ubi Victor Massiah e il vicepresidente di Ubi Mario Cera.

Secondo quanto emerso nel corso dell’inchiesta, Bazoli era “tra i componenti della cabina di regia che sul lato bresciano decideva le nomine degli organi della banca e delle sue partecipate in condivisione con quelle decise dalla ‘commissione Zanetti’ costituita sul lato bergamasco”.

Tutti in concorso tra loro erano a conoscenza dell’esistenza di un patto parasociale stretto tra le Associazioni ABLP e Amici di Ubi Banca, direttamente riconducibili a Bazoli e Zanetti, attraverso il quale potevano decidere l’alternanza negli organi di governo della banca, dirigendo con i loro voti l’assemblea dei soci. Per di più nessuno ha comunicato alle Autorità di vigilanza, Consob e Banca d’Italia, il patto parasociale e i metodi con i quali venivano decise le nomine, lasciando intendere al mercato che fossero garantiti i principi di “pariteticità e alternatività”.

Invece erano le due associazioni esterne alla banca a decidere i vertici del gruppo e come se non bastasse hanno preso le decisioni anche sulle maggiori questioni aziendali, al di fuori degli organi di governo societario e dei relativi comitati. I due fronti guidati da Bazoli e Zanetti hanno creato un apparato organizzativo capace di creare consenso in favore delle lista dei candidati che facevano loro riferimento, che si è manifestato da ultimo nell’assemblea soci del 2013. A Bazoli è anche contestato di aver ignorato il divieto di possedere due cariche in due gruppi concorrenti, Ubi e Banca Intesa.

Sono due i filoni principali dell’inchiesta. Il principale è quello su “l’ostacolo all’esercizio delle funzioni delle autorità pubbliche di vigilanza” e “l’illecita influenza sull’assemblea” dell’aprile 2013.
L’altro riguarda l’ipotesi di truffa e riciclaggio, per la cessione di beni di Ubi Leasing a prezzi di favore a persone vicine ai vertici bancari.

Di seguito la lista degli indagati:

Primo filone
Emilio Zanetti, ex presidente del consiglio di gestione di Ubi ed ex presidente di Amici di Ubi banca

Andrea Moltrasio, presidente del consiglio di sorveglianza di Ubi

Mario Cera, vicepresidente vicario

Franco Polotti, presidente del consiglio di gestione di Ubi

Giovanni Bazoli, presidente del consiglio direttivo dell’Associazione banca lombarda e piemontese

Giuseppe Calvi, presidente Assemblea Ubi Banca

Francesca Bazoli, figlia di Giovanni

Victor Massiah, consigliere delegato di gestione di Ubi

Italo Lucchini, componente del consiglio di sorveglianza di Ubi e del cda di Italcementi (per operazioni in conflitto di interesse con il gruppo)

Antonella Bardoni, direttore Confiab Bergamo

Giuseppe Sciarrotta, responsabile servizio soci Ubi

Guido Marchesi, consulente servizio soci Ubi

Marco Mandelli, direttore generale della Popolare Commercio e Industria

Rossano Breno, ex presidente Compagnia delle Opere

Enrico Minelli

Flavio Pizzini

Federico Manzoni

Armando Santus

Mario Mazzoleni

Pierpaolo Camadini

Italo Folonari

Ettore Giuseppe Medda

Alessandro Miele

Gemma Maria Baglioni

Enrico Invernizzi

Matteo Brivio

Ettore Ongis

Angelo Ondei

Stefano Lorenzi

Giovanni D’Aloia

Marco Martelli

Marco Fermi

Francesco Morlé

Secondo filone

Silvia Lucchini, figlia di Italo, amministratore di Tuscany Charter

Giampietro Pesenti, presidente di Italcementi

Giampiero Bertoli, ex amministratore delegato Ubi Leasing

Guido Cominotti, ex responsabile recupero e vendita beni Ubi Leasing

Alessandro Maggi, vice direttore generale vicario Ubi Leasing

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.