BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Curno, nasce il coworking solidale: una parte dei progetti a vantaggio del territorio

Il Comune ha messo a disposizione il proprio immobile di via Emilia 5 per il coworking sociale che implica che una parte dell'attività dei coworkers debba legarsi al territorio, sia sotto forma di progettualità sia di servizi erogabili alla popolazione.

Il Comune di Curno ha messo a disposizione il proprio immobile di via Emilia 5 a Curno, contribuendo alla promozione di uno spazio di coworking solidale: un progetto finanziato dall’amministrazione insieme ai Comuni di Lallio, Mozzo, Paladina e organizzato in collaborazione tra gli stessi comuni, la CGIL Bergamo e la rete p@sswork.

Il coworking è una modalità di lavoro che prevede l’utilizzo di spazi condivisi da parte di diversi soggetti. Nel mantenimento di una sfera di lavoro individuale, il modello organizzativo del coworking implica la messa in comune di competenze nella costruzione di una comunità lavorativa cooperante nella quale la professionalità di ciascuno incrocia quella degli altri, nella costruzione di una reciproca contaminazione di “saperi” e di abilità. 

Ciò che differenzia il coworking solidale da altre forme di coworking è che una parte dell’attività dei coworkers deve legarsi al territorio, sia sotto forma di progettualità sia di servizi erogabili alla popolazione. Il modello coworking solidale ha trovato una formalizzazione nel protocollo p@sswork, a cui COLLABORO aderisce.

Il luogo potrà ospitare giovani professionisti, start-up, creativi, consulenti, architetti, programmatori, fotografi, brokers, avvocati, commercialisti, amministratori di condominio, web developers, mediatori, grafici, giornalisti, psicologi ed altri. A causa delle caratteristiche tecniche dei locali lo spazio non potrà ospitare professioni sanitarie.

Il bando è riservato a residenti dei Comuni di Curno, Lallio, Mozzo, Paladina e in subordine ai residenti di altri paesi dell’Ambito Territoriale di Dalmine.

– giovani o gruppi di giovani con un’età compresa tra i 18 e i 35 anni che stiano avviando il loro percorso lavorativo in una professione

– persone fuoriuscite dal mercato del lavoro negli ultimi 5 anni, a causa di crisi aziendali, che desiderano riprendere il loro percorso lavorativo in maniera autonoma

– sono ammesse candidature anche di possessori di Partita IVA da non più di ventiquattro mesi

La durata della disponibilità dello spazio di coworking solidale è fissata in minimo un anno e un massimo tre anni. Lo spazio sarà dotato delle seguenti attrezzature:

– otto postazioni di lavoro, composte da una scrivania con cassettiera, due sedie, una sala riunioni con tavolo ad uso comune, un armadio ad uso comune

– connettività alla rete internet con relative credenziali, stampante, fotocopiatrice, scanner (escluso materiale di consumo, cancelleria…)

– copertura delle spese di energia elettrica, riscaldamento, condizionamento aria, acqua, spese condominiali, manutenzione ordinaria e straordinaria, pulizie

I Comuni e la rete offriranno inoltre i seguenti servizi:

– momenti di formazione e accompagnamento ai co-workers, attività di collegamento tra i coworkers e gli altri soggetti promotori del bando

– strutturazione di servizi che possano essere di utile sostegno all’attività dei coworkers

 Ai coworkers sarà richiesto:

– un contributo mensile di euro 50,00 per l’utilizzo esclusivo di ogni postazione.

– la presentazione al momento del bando e la successiva realizzazione di un progetto il cui beneficio dovrà ricadere sul territorio di uno o più dei quattro Comuni finanziatori del progetto; il progetto potrà riguardare progettualità territoriali da sviluppare gratuitamente in collaborazione con i Comuni o svolgimento di attività e servizi rivolti ai cittadini a livello gratuito o a prezzi agevolati.

I soggetti interessati dovranno presentare la domanda per l’adesione e il progetto utilizzando gli appositi moduli, entro le 12 del 22 gennaio 2017 inviando una e-mail con oggetto “collaboro coworking solidale” all’indirizzo PEC del Comune di Curno: comunecurno.certificata@halleycert.it

Il Bando, completo dei modelli per la domanda di adesione, è scaricabile all’indirizzo: http://www.comune.curno.bg.it

Il bando e lo spazio di coworking saranno presentati:

Mercoledì 30 novembre 2016 a Lallio alle 20,45 nella Sala Consiliare di via S. Bernardino 16

Martedì 6 dicembre 2016 a Mozzo alle 20,30 nella Sala Consiliare di piazza Costituzione 5

Giovedì 15 dicembre a Curno alle 20.30 nella Sala Civica Cattaneo di via Emilia 5

Martedì 10 gennaio 2017 a Paladina alle 20,45 nel Centro Polifunzionale via Marie Curie 2

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.