BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ims Deltamatic, protagonista
 la tecnologia dal volto umano fotogallery

Anche Ims Deltamatic ha aperto le porte ai ragazzi delle scuole medie nell’ambito dell’iniziativa di orientamento promossa da Confindustria Bergamo.

Alla Ims Deltamatic la tecnologia è di casa. Per la quarantina di ragazzi delle classi terze B e C della scuola media di Calcinate la visita in azienda è stata una piena immersione nel mondo della meccatronica e della moderna organizzazione, dove però l’uomo e la macchina sembrano aver stretto un patto virtuoso: i disegni in 3D dei nuovi modelli di macchine, protagonisti negli uffici di progettazione dove “comandano” gli ingegneri, e i magazzini verticali organizzati in moduli in officina hanno mandato in pensione i vecchi tecnigrafi e fatto risparmiare enormi quantità di spazio e tempo, ma alla fine la macchina nasce su misura per il cliente e l’uomo è sempre lì, protagonista e “creatore”.

Ims Deltamatic, presieduta da Raffaele Ghilardi, artefice di una serie di acquisizioni che hanno portato l’azienda a diventare una piccola multinazionale con sedi in Germania, Stati Uniti e Cina, è una delle 112 aziende che hanno dato vita all’iniziativa di orientamento PMI DAY promossa da Confindustria che nella nostra provincia coinvolge 5700 studenti degli istituti secondari di I grado per un totale di 79 scuole.

Le aziende hanno aperto le porte, prevalentemente nella giornata di venerdì 11 novembre, ma l’iniziativa proseguirà anche nei prossimi giorni, per offrire un’occasione di orientamento per ragazzi che si preparano ad una prima scelta rispetto al proseguimento dei loro studi e permettere loro di avere un primo impatto con le industrie del territorio, cogliere la portata della rivoluzione tecnologica degli ultimi anni, nonché la complessità della moderna organizzazione aziendale.

“Abbiamo una storia – ha spiegato ai ragazzi l’amministratore delegato Daniele Vaglietti accogliendo i ragazzi in una sala dove sono in mostra i principali passaggi tecnologici, dal tecnigrafo ai primi rudimentali personal computer – che ci aiuta a dare senso al nostro percorso”.

Il Gruppo è oggi un riferimento internazionale per l’ingegnerizzazione e la costruzione di macchine dall’alto contenuto tecnologico principalmente nel converting e automotive.

Nel converting il gruppo opera nella progettazione e costruzione di bobinatrici, svolgitori, avvolgitori e macchine affini per l’industria primaria e per i converter nei settori della carta, alluminio e film plastici, per la produzione di rotoli di alluminio, film plastico e carta forno per uso domestico e professionale.

Tutto viene prodotto in casa. La costruzione di una macchina può durare circa un mese o poco più per le macchine piccole, fino a diversi mesi per i sistemi più complessi.

In un bacheca collocata all’inizio del processo produttivo i ragazzi hanno potuto notare le bandierine di vari paesi che indicano la destinazione del pezzo in lavorazione, il quale, una volta completato e collaudato, verrà spedito a destinazione e gestito con assistenza tecnica diretta. Un contesto internazionale con una parola d’ordine: la conoscenza dell’inglese “obbligatoria” per l’assunzione e costantemente rinfrescata da corsi interni.

Alla visita è stato abbinato il Concorso Industriamoci, che valorizzerà i migliori elaborati, sulla base degli spunti ricevuti durante la mattinata, con premi in denaro per l’acquisto di strumentazioni tecnologiche per l’istituto scolastico.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.