BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Trump presidente, il prorettore Kalchschmidt: “Previsioni lontane dal risultato finale” foto

L'opinione del prorettore delegato all'Internazionalizzazione e alle relazioni internazionali dell'Università di Bergamo Matteo Kalchschmidt sul risultato delle elezioni americane: "Storico, Trump è riuscito a conquistare con leve nuove il favore dell'elettorato".

“Da un punto di vista tecnico il risultato è sicuramente storico”: Matteo Kalchschmidt, prorettore delegato all’Internazionalizzazione e alle relazioni internazionali dell’Università degli Studi di Bergamo nonché esperto di fenomeni di previsione degli eventi tra i quali rientrano anche le elezioni presidenziali, commenta così, a caldo, l’elezione di Donald Trump a 45esimo presidente degli Stati Uniti d’America.

“La stragrande maggioranza dei modelli di previsione davano Clinton in vantaggio anche se di poco fino all’ultimo minuto, sia rispetto al voto popolare sia a quello elettorale. Al contrario delle attese Trump è riuscito a sfondare anche in stati dove le previsioni erano significativamente in favore del candidato democratico. Oltretutto i fattori di contesto erano a favore di Hillary Clinton: lo stato positivo dell’economia ad esempio è stato in passato spesso associato ad un mantenimento della posizione elettorale e quindi spingeva verso un mantenimento della posizione democratica. Così non è stato. Sicuramente questo scostamento dal risultato previsto è indice della capacità di Trump di essere riuscito a conquistare con leve nuove il favore dell’elettorato e credo sarà per gli addetti ai lavori oggetto di studi approfonditi”.

Alla vigilia del voto decisivo il prorettore dell’Unibg aveva previsto: “Con ogni probabilità in molti si recheranno alle urne scegliendo il male minore. Entrambi i candidati non piacciono fino in fondo e hanno un elettorato più che altro legato allo sfavore della controparte. Il rischio più grande è che il vincitore dovrà governare un Paese dove metà della gente non è soddisfatta e dove neppure il Congresso è a favore”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.