BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La moglie e musa Inge: “La salma di Manzù a Bergamo? Solo dopo la mia morte” fotogallery video

Inge Schabel, moglie e musa di Manzù, a Bergamo per la posa della targa nel famedio del Cimitero monumentale dedicata al grande scultore dichiara: "La salma di Giacomo a Bergamo? Solo dopo la mia morte".

Nella danza il tempo è tutto.

Manzù

E la ballerina immortale di Manzù ha compiuto un passo irremovibile che ha scandito tutti i tempi: “La salma di Giacomo a Bergamo? Solo dopo la mia morte”. Con questa dichiarazione ufficiale mentre nel Famedio del cimitero monumentale di Bergamo si scopre una lapide in ricordo del grande scultore Giacomo Manzù, la moglie e musa Inge Schabel pone fine ad una danza mediatica. Vista da vicino questa donna senza età che nel giorno del suo compleanno, cadeva proprio mercoledì 2 novembre, decide di parlare di amore, di morte, di fedeltà, di legami indissolubili e di rispetto delle memorie con un’eleganza senza pari.

Capisci perché è stata la musa di un genio come Manzù.

Se lui è un punto fermo della scultura mondiale di tutti i tempi, lei è magnetica nel suo sguardo dolce e curioso, nel suo sorriso sincero, nella sua generosa riconoscenza.

Prima di iniziare la cerimonia, accanto al sindaco Giorgio Gori, agli assessori Nadia Ghisalberti, Marco Brembilla, Giacomo Angeloni e alla presidente del consiglio comunale Marzia Marchesi, Inge cerca con lo sguardo e chiede di Valerio Bettoni, l’ex presidente della Provincia di Bergamo che di Manzù acquisì opere e le espose nel palazzo di via Tasso.

Manzù

Poi composta e attenta segue accanto al figlio Mileto la cerimonia.
E al termine ha parole per tutti. Sorrisi, strette di mano, abbracci. Inesauribile.

“A Bergamo io e Giacomo abbiamo fatto nascere i nostri figli” risponde Inge. “Per me è una giornata molto emozionante. Sembra che sia stato oggi il funerale del mio Giacomo quando invece sono già passati 25 anni”.
Sul tema che si fa sempre più pressante – la traslazione della salma di Giacomo Manzù da Ardea alla Basilica di Santa Maria Maggiore in Città Alta a Bergamo – prima glissa, poi affonda: “Questo è un argomento che non vorrei accennare adesso. Io vorrei aspettare, quando sono morta saranno i miei figli a decidere. Da 25 anni vado ogni giorno sulla tomba di Giacomo. Non lo sopporterei di non averlo più accanto. Quando sarò morta, allora i miei figli ci penseranno. E sarei anche contenta che la salma di Giacomo torni qui, torni su a Bergamo, ma prima no”.

Inge capisce che la sua decisione può deludere molte delle aspettative dei bergamaschi che sono venuti al famedio per ricordare Manzù. È allora che aggiunge: “Giacomo aveva espressamente chiesto di essere sepolto accanto alle sue opere ad Ardea. E le volontà vanno rispettate. No?”.

La ballerina ha deciso. Il suo passo è fermo. Irremovibile. Proprio come l’aveva immortalata Manzù. Inge, la giovanissima modella che aveva metà degli anni del grande scultore quando si conobbero nell’estate 1954 nell’aula grigia del corso di scultura del Castello di Salisburgo è ancora incantevole.

“Non dovevo essere io la modella di Giacomo, la sua era malata e allora ho dovuto andare io – racconta -. Ero già sulla pedana quando entrò, mi vide ed uscì. Pensai: non vado bene. Invece tornò subito con un corteo il presidente e i dirigenti e mi dissero: finché c’è Manzù nella scuola lei deve rimanere qui. Poi venni anche a Milano, dovevo fare la Giovanna d’Arco, ma non la feci: diventai la sua ballerina”.

La ballerina immortale di Manzù, colei che gli è rimasta accanto per 35 anni ha sentenziato: “la salma di Giacomo resterà ad Ardea, fino alla mia morte. Poi si vedrà”.

Il tempo è finito. La danza pure.
Sipario.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.