BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

MiVeg: festival vegano per due giorni a Villa Arconati

Il festival, a ingresso gratuito, è organizzato da Vitadacani Onlus ed Essere Animali. Tutto il ricavato va direttamente in beneficenza per sostenere animali salvati e campagne di sensibilizzazione.

Il 5 e 6 novembre 2016 la quarta edizione del MiVEG, festival vegan di Milano a Villa Arconati (a Bollate).

Il festival, a ingresso gratuito, è organizzato da Vitadacani Onlus ed Essere Animali. Tutto il ricavato va direttamente in beneficenza per sostenere animali salvati e campagne di sensibilizzazione.

Per due giorni interi nella bellissima cornice di Villa Arconati sarà possibile gustare cibo senza ingredienti di origine animale e prevalentemente biologico. Al bar si potranno inoltre provare dolci, estratti di frutta e verdura o bere birra artigianale. Tra tutte le proposte anche quelle senza glutine e crudiste.

“Vogliamo innanzitutto sfatare l’idea che la scelta vegana sia una rinuncia o una privazione. Cambiano i sapori ma non mancano il gusto e il piacere del buon cibo. Provare per credere”, affermano gli organizzatori dell’evento.

Ma se il cibo sembra al centro del festival, in realtà il cuore pulsante di questo evento sono le numerose conferenze e i seminari su come aiutare gli animali, su autoproduzione e cucina, alimentazione, ma anche i momenti di gioco e coinvolgimento per bambini. “Il MiVeg cerca di coniugare scelte etiche e vita quotidiana, impegno sociale e buon cibo. Perché i cambiamenti arrivano sempre da strade diverse e ognuno deve trovare la sua”.

Nello spazio stand saranno inoltre presenti 70 espositori tra associazioni di volontariato e aziende che hanno deciso di dedicarsi solamente a prodotti crueltyfree. Nella Limonaia della villa oltre ai workshop saranno presenti delle toccanti mostre fotografiche, mentre la sera di sabato la Sala Pompeo ospiterà l’acclamato spettacolo teatrale “La carne è debole”, di Giuseppe Lanino.

“Quello che proponiamo è un cambiamento culturale verso una società non violenta e priva di discriminazioni, dove ci sia rispetto per tutti gli animali, umani inclusi ovviamente”, affermano gli organizzatori. E a riprova di questo al MiVeg non si farà raccolta fondi solo per gli animali, ma presso il bar e i punti ristoro sarà possibile acquistare anche dei “coupon solidali”. Al prezzo di 1 euro si garantisce così un pasto (rigorosamente vegano) distribuito da volontari a senzatetto e migranti. Un modo per unire l’impegno su vari fronti, che tendono però allo stesso fine: una società decisamente migliore per tutti.

Sabato 5 si parlerà di alimentazione vegana nello sport con Simone Iannone, sportivo e Dottore in Scienze Alimentari, ma anche di alimentazione vegana per gli animali domestici, con la veterinaria e nutrizionista Mara Di Noia. Verrà inoltre presentato in anteprima il libro “Cowspiracy, il segreto della sostenibilità”, approfondimento legato all’omonimo documentario prodotto da Leonardo Di Caprio. Per i bambini inoltre divertenti laboratori di cucina e per farsi colori in casa a partire da frutta e verdura. La sera alle 21.30 lo spettacolo “La carne è debole”.

Domenica 6 Vitadacani e la Rete dei Santuari spiegheranno cosa sono questi luoghi magici, in cui animali che in questa società sono “da reddito” riscoprono la dignità e vivono liberi, mentre l’associazione Essere Animali approfondirà l’importanza dell’attivismo e i modi e possibilità per ottenere importanti risultati. Il pediatra Luciano Proietti porterà informazioni e fatti a sostegno della dieta vegana per i più piccoli, sfatando miti e falsità, mentre la seguitissima scrittrice Aida Eltanin racconterà le storie di coraggio di attiviste vegetariane del passato, che legano questa scelta al movimento femminista. Nell’area workshop invece si imparerà invece a fare dolci vegani e formaggi in casa.

Il programma completo QUI

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.